La terra trema. L'Etna torna a far paura. Trema per una ventina di minuti il versante Sud-Est del vulcano

Scosse anche in Calabria, Marche e Lazio

31 ottobre 2005

Una scossa sismisca di magnitudo 3.9 è stata registrata questa notte all'1.02 in provincia di Catania.
L'epicentro è stato localizzato tra i comuni di Viagrande, Trecastagni e Aci Bonaccorsi. Secondo l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) la scossa si è verificata alla profondità di otto chilometri.
La notizia è stata resa nota dal dipartimento della Protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri precisando che la scossa è stata avvertita dalla popolazione ma che non risultano danni a persone o cose.

Ieri alle 7 era stato registrato nella stessa zona uno sciame sismico composto da una decine di scosse, la più forte delle quali, di magnitudo 3.7, era stata sul versante sud-orientale del vulcano.
Lo sciame è stato nettamente avvertito dagli abitanti dei paesini della zona interessata tra Zafferana e Pedara e anche a Catania. L'epicentro del sisma di ieri è stato localizzato dagli esperti dell'Ingv di Catania a sud-ovest di Zafferana Etnea. La scossa sismica ha interessato soprattutto il territorio dei comuni di Trecastagni, Viagrande e Pedara. Il tremore più lungo è stato preceduto, alle ore 6.42, da un'altra scossa di magnitudo 3.2 sempre nella stessa zona, anch'essa avvertita dalla popolazione.
L'Ingv di Catania sottolinea che si è trattato di uno sciame di terremoti di natura tettonica e quindi non direttamente collegata all'attività vulcanica dell'Etna.

Nelle scorse settimane si erano avuti altri eventi sismici sul vulcano ma sul versante leggermente più spostato a est. Il presidente dell'Ingv, Enzo Boschi, dice: ''Non penso che l'Etna per ora voglia risveglarsi e non penso che vi sia la possibilità di nuove eruzioni. Quella di oggi è un'attività tipicamente sismica dovuta alla cosiddetta faglia di Pedara. E' certamente connessa alla struttura vulcanica: quella è una zona complicata dal punto di vista geodinamico''. ''Finora abbiamo contato nove scosse sismiche di diversa intensità. Si è trattato di un evento tellurico, non legato a eventuali fenomeni eruttivi. Il tremore vulcanico (indice di eventuali eruzioni, ndr) è a livelli bassi'', ha aggiunto un funzionario dell'Ingv.

L'evento di questa notte non è isolato. Sempre in provincia di Catania, il 22 e il 28 ottobre sono state registrate altre due scosse, di magnitudo pari a 3.0 gradi. Generalmente un fenomeno tellurico diventa potenzialmente distruttivo quando tocca un'intensità dai 5 gradi in su, spiegano dalla protezione civile. L'Etna, come scrive l'Ignv è ''un sorvegliato speciale'' proprio per la sua continua attività, con frequenti colate laviche, che portò nel 2003 a una delle più intense eruzioni degli ultimi anni.

Ma ieri la terra è tremata non soltanto in Sicilia, scosse di terremoto si sono percepite anche in Calabria, nelle Marche e nel Lazio.
In Calabria. Una scossa di terremoto di magnitudo 3,8 è stata registrata poco dopo le 20 in Calabria. La scossa, con epicentro Gioia Tauro, è stata nettamente avvertita dalla popolazione che è scesa nelle strade. Dalle prime verifiche effettuate dal dipartimento della Protezione Civile non risulterebbero esserci danni a persone o cose. La scossa, oltre che a Gioia Tauro, è stata avvertita anche nelle zone di Rosarno, Rizziconi e Palmi.
Nelle Marche. Scossa sismica nel tardo pomeriggio anche in provincia di Ascoli Piceno. La scossa, avvertita dalla popolazione, è stata valutata dai tecnici dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia con una magnitudo di 2,4. Nessun danno a persone e cose, secondo le prime verifiche fatte dalla Sala situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non sono stati rilevati danni a persone e cose. L'epicentro è stato localizzato tra i comuni di Sant'Elpidio a Mare, Monte Urano, Montegranaro, Fermo e Porto Sant'Elpidio.
Nel Lazio. Una lieve scossa sismica è stata registrata questa mattina anche nella Valle dell'Aniene, in provincia di Roma. L'epicentro - rileva una nota del Dipartimento della Protezione Civile - è stato localizzato tra i comuni di Marcellina, Tivoli e S. Polo dei Cavalieri. L'evento sismico, di magnitudo 2,3, è stato registrato alle 7.02. Non risultano danni a persone o cose.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

31 ottobre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia