Le cento città dell'isola bambina

17 comuni siciliani uniti nella lotta alla criminalità organizzata

27 dicembre 2001
"Le cento città dell'isola bambina" è il nome della bellissima iniziativa, promossa da un insieme di comuni siciliani  per migliorare le condizioni di vivibilità della città e combattere il degrado delle condizioni urbanistiche ed ambientali sommato a quello culturale dovuto alla mentalità mafiosa ancora dura a morire.

La coalizione di comuni è formata da quelli di Caltanisetta, Canicatti, Favara, Gela, Milazzo, Monterosso, Palma di Montechiaro, Paternò, Riposto, Vittoria, Mazzarino, Riesi, Niscemi, Butera, Lentini, Licata e Corleone, unico comune della provincia di Palermo

Il progetto, finanziato da tre miliardi stanziati dall'Unione Europea è stato progettato dalle amministrazioni comunali in collaborazine con l'Arci Pool Position e la Lega per l'Ambiente. Approvazione anche dalla Regione Siciliana. Il ministero degli Interni ha invitato i comuni coinvolti nell'iniziativa a consonziarsi nell'ambito di un Piano operativo nazionale, che ha come obiettivo la sicurezza e lo sviluppo.

Punto di partenza del progetto l'ascolto del punto di vista dei bambini, sulla base del quale progettare e sviluppare servizi per un ambiente più sano, meno segnato dalla disgregazione ed orientato alla salvaguardia delle bellezze naturali, paesaggistiche ed alla promozione delle risorse del territorio.

È previsto un intervento diversificato per ogni centro ed il progetto trova un naturale raccordo con gli interventi previsti nei piani territoriali della Legge 285/97.

Il commento del sindaco Pippo Cipriani all'iniziativa è stato:"Questi importanti progetti ci consentono - di mandare un messaggio di positiva attenzione anche alle famiglie dei ragazzi, in realtà segnate drammaticamente dalla criminalità mafiosa e di portare una sfida in positivo alle vecchie mentalità".

Uno strumento di bonifica che non basato sulla repressione del fenomeno ma sulla realizzazione efficace di servizi e la promozione di quei valori culturalmente antitetici a quelli della criminalità organizzata.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 dicembre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia