Per l'Autodromo di Pergusa continua a rimanere tutto fermo

23 novembre 2006

Lunedì pomeriggio, dopo tanto tergiversare, nel gabinetto del Sindaco Agnello, si è svolta una riunione che aveva come oggetto l'Autodromo di Pergusa ed il progetto da realizzare per cercare di ottenere le licenze nazionale ed internazionale. Alla riunione erano presenti il sindaco Agnello, l'assessore all'Urbanistica Paolo Garofano, che ha organizzato la riunione, il capo dell'ufficio tecnico ingegnere Salvatore Roberti, l'assessore provinciale al Territorio ed Ambiente, Maurizio Campisi con l'ingegnere Giuseppe Colajanni, la delegazione dell'Ente Autodromo, formata dal presidente Antonio Giuliana, dal vice presidente Vario Caltagirone, dal direttore Antonio Cammarata ed il tecnico Marco Crisafulli.

La riunione era urgente ed indifferibile perché il Credito Sportivo, che è la banca del Coni nazionale, ha inviato una nota all'Ente Autodromo di Pergusa dove si evidenzia che il mutuo di 3 milioni e 500 mila euro per la realizzazione delle opere necessarie a stabilire la sicurezza del circuito, rimarrà disponibile per altri sessanta giorni, dopo di che il mutuo non sarà più concesso. E' chiaro che perdere questa occasione sarebbe veramente pazzesco dopo tutto quello che si è fatto per ottenerlo, non solo ma si rischia di non eseguire quei lavori necessari ad ottenere la licenza per la organizzazione delle manifestazioni che contano. Questi ritardi abissali sono ingiustificabili e le colpe vanno egualmente distribuite alla Provincia regionale, Comune ed Ente Autoromo, che continuano a camminare lentamente. Qui si rischia di perdere anche la stagione agonistica 2007 e questo sta a significare che l'autodromo potrebbe rischiare la chiusura definitiva.

C'è un protocollo d'intesa che deve essere firmato, c'è una variante al Prg che la Provincia dice che dovrà essere fatta ed il comune, invece, insiste che non deve essere fatta perché su Pergusa non ci sono limiti ambientali, fatto è che si è alla fine i novembre ed ancora non sono iniziati ne le procedure per l'esproprio dei terreni interessati ne i lavori per la realizzazione della via di fuga nei pressi della selva Pergusina, necessari per ottenere le licenze.
Il presidente dell'Ente Autodromo, Antonio Giuliana, molto preoccupato, la scorsa settimana aveva inviato una lettera a Provincia e Comune, sottolineando la necessità di procedere con urgenze agli adempimenti necessari perché il Credito Sportivo sta revocando il mutuo ed allora le difficoltà diventerebbero enormi perché reperire in breve tempo tre milioni e cinquecento mila euro non è facile con tutte le conseguenze del caso.

Fonte: ViviEnna.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

23 novembre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia