Postini per un giorno, e gli studenti di una scuola media imparano giocando

26 novembre 2002
La scuola oggi è cambiata e gli insegnanti, per i loro alunni, guardano sempre di più al futuro.

La professoressa Loreta Farruggia afferma che diversi sono i motivi che spingono oggi i ragazzi a non continuare gli studi e, in questo contesto, risulta allora necessario creare quei presupposti che possano, in qualche modo, aiutare gli ''uomini'' di domani a crescere meglio.

A Palermo diciotto alunni della scuola media Roncalli del quartiere Oreto, dopo avere studiato la storia delle poste e delle telecomunicazioni, sono stati ospiti per un giorno dell'Ufficio delle Poste di via Roma.

I ragazzi, entusiasti, hanno potuto così mettere in pratica tutto quello che prima era stato il loro materiale di ricerca e di studio, sbizzarrendosi in una singolare esercitazione pratica con lettere, telegrammi, francobolli e raccomandate.

Nella speranza che questo non resti un caso isolato, la professoressa Farruggia ha sottolineato che "esperienze fondamentali di questo tipo sono necessarie per la crescita e la maturazione dei ragazzi. Tra l'altro consentono loro di imparare più facilmente cose che in altro modo potrebbero essere astratte e tediose".

Noi concordiamo con lei.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 novembre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia