Presentata la ricca Stagione Lirica 2018 del Teatro Massimo Bellini di Catania

Il Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini intervenuto alla presentazione

26 ottobre 2017
Presentata la ricca Stagione Lirica 2018 del Teatro Massimo Bellini di Catania

Capolavori immortali accanto a novità assolute, come "Storia di una capinera", firmata da Gianni Bella e Mogol, dal romanzo di Giovanni Verga. Grande repertorio che non esclude dunque un’incursione nel musical d’autore. Una programmazione - cinque opere e due balletti - che punta su famosi protagonisti del panorama musicale internazionale, da Gianluigi Gelmetti a Patrizia Ciofi, a Gunther Neuhold a Daniela Schillaci. E il progetto Teatro Bellini Festival, nel segno del sommo compositore catanese. Insomma: "Vanno in scena le emozioni", come recita lo slogan della ricca e variegata Stagione lirica 2018, che l’Ente Autonomo Teatro Massimo Bellini ha presentato martedì sera al pubblico e alla stampa nel magnifico foyer. Un’occasione importante alla quale ha assicurato la propria presenza Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. A fare gli onori di casa, sono intervenuti: Enzo Bianco, nella doppia veste di Sindaco di Catania e Presidente del Teatro; Anthony Barbagallo, Assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, organo tutorio dell’ente; il Sovrintendente del Bellini Roberto Grossi e il Direttore artistico Francesco Nicolosi.

"In questi ultimi due anni il Teatro Massimo Bellini ha saputo crescere in misura esponenziale" ha affermato con orgoglio il Sindaco Bianco che ha aggiunto "Se qualche anno fa il Teatro Bellini rischiava di chiudere, il nostro impegno ha ribaltato la prospettiva".
Sul rilancio del Teatro Bellini nel biennio del suo mandato si è soffermato anche l’assessore regionale Barbagallo: "Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibili questi due anni straordinari: l’orchestra, il coro, il consiglio di amministrazione e quelli che ci sono stati vicini. L’auspicio è che i grossi sforzi che sono stati fatti in questo biennio non cadano nel vuoto, a partire da "Anfiteatro Sicilia", la circuitazione delle eccellenze liriche e di prosa nei siti archeologici che il mondo ci invidia".

A questa virtuosa gestione non mancheranno le gratificazioni da Roma, come ha assicurato il Ministro Franceschini: "Qualche anno fa è stato detto, sbagliando, che "con la cultura non si mangia". È esattamente vero l’opposto: lo dimostrano le scelte operate per la Cultura e il Turismo a livello nazionale e locale. Così in Sicilia: lo dimostra il lavoro svolto dal competente assessorato regionale guidato da Barbagallo e quello del Comune di Catania retto dal sindaco Bianco. Investendo in cultura si fa crescere l’economia di un territorio, si investe sulla sua vocazione. Puntare sul patrimonio del passato ma anche sui talenti dei ragazzi, questo è quello che è stato fatto a Catania e che è stato fatto al Teatro Massimo Bellini di Catania. E tra i progetti che meritano di essere promossi e realizzati c’è appunto il "Teatro Bellini Festival", intitolato all’autore di "Norma", che merita di rientrare nel ristretto numero delle manifestazioni promosse dallo Stato".

- www.teatromassimobellini.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 ottobre 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia