Progetto Argo. I cani randagi trovano un loro padrone in carcere

Ai detenuti la libertà d'avere un compagno a quattro zampe

16 giugno 2003
Abbandonati ma non da tutti. I cani randagi possono d'ora innanzi trovare un amico nientemeno che in carcere. E i detenuti dare spazio al libero scambio di affetti con il nuovo compagno a quattro zampe, accudirlo per portarlo con se una volta scontata la pena, oppure addestrarlo per l'assistenza a disabili o anziani.

Il progetto Argo, varato dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap), apre le porte a Fido negli istituti di pena italiani. L'iniziativa prenderà il via entro giugno, in via sperimentale, nel carcere minorile Beccaria di Milano, al Pagliarelli di Palermo, nella sezione femminile di Rebibbia,
a Spoleto e Sulmona.

Telefonate e richieste sono però arrivate anche da Alba, Saluzzo, Giarre (Taormina), dal carcere minorile di Lecce e da tantissime altri istituti. La fase sperimentale vedrà coinvolti non più di 4-5 cani per istituto che verranno ospitati ed accuditi in spazi esterni non sfruttati, ma comunque dentro il muro di cinta del carcere. Il cibo per i cani, poi, verrà recuperato dal vitto non consumato dai detenuti, evitando così inutili sprechi.

Fonte: Ansaweb

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 giugno 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia