Sequestrato a Catania più di un quintale di pesce avariato

12 settembre 2007

I carabinieri della compagnia di piazza Dante, a Catania, hanno sequestrato e distrutto perché non idoneo al consumo, 110 chilogrammi di pesce sequestrato in due diverse operazioni contro la pesca di frodo e il commercio illegale di prodotti ittici. I militari hanno inoltre denunciato due persone sorprese a vendere merce pericolosa per la salute, novellame senza certificazione sanitaria. ''Purtroppo illeciti di questo tipo sono assai frequenti - afferma il Segretario Nazionale Codacons Francesco Tanasi - e non sempre il cittadino è sufficientemente tutelato. Mangiare del pesce avariato può danneggiare seriamente la salute. Per questo motivo ogni volta che le forze dell'ordine riescono a scovare situazioni del genere, in cui non si osservano le più elementari norme igieniche e di conservazione dei cibi, il nostro plauso si fa sentire forte. Si dovrebbero chiudere tutti quei locali che mettono a repentaglio la vita dei cittadini e chi rivende cibi senza autorizzazione sanitaria dovrebbe avere multe molto salate''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 settembre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia