Si chiama Sergio Ruffino è ha fatto un film biografico-fantastico su Leopardi

18 maggio 2002
Dovrebbe aver già finito di montarlo.

Si intitola "Il resto di me" ed è un film biografico-fantastico sulla vita di Giacomo Leopardi, riveduta e corretta, con finale a sorpresa.

Il regista e protagonista è Sergio Ruffino, siciliano, appena ventidue anni.

Per realizzare il progetto ha impiegato due anni e la buona volontà di circa duecento collaboratori, tra tecnici, montatori, attori e comparse, che hanno lavorato gratuitamente.

Ruffino racconta un mondo dove non è necessario parlare: i personaggi, una cinquantina, comunicano telepaticamente.
La voce fuori campo o le didascalie enfatizzano l'essenzialità dei contenuti.

Il film è stato girato nelle periferie di Gela, Catania, Palermo e Corleone: paesaggi irriconoscibili di un qualunque Nord o Sud del mondo, dai deserti ai castelli diroccati.
Spazi mentali, ideali, dove Silvia appare al protagonista come simbolo della donna sublime da amare, ancorché irragiungibile.

Ruffino comincia a occuparsi di cinema seguendo i set di Ciprì e Maresco e dalle produzioni cinematografiche in Sicilia, con il ruolo di comparsa, elettricista, capo operatore, assistente alla direzione della fotografia, e finisce per imparare sul campo il mestiere di regista.

Ha già prodotto ventisei cortometraggi in bianco e nero, molti dei quali di videoarte, e quattro mediometraggi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 maggio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia