Stromboli contro la Siremar: i disservizi della compagnia marittima hanno paralizzano i 400 abitanti dell'isola

10 dicembre 2010

I 400 abitanti di Stromboli hanno protestato ieri contro i disservizi della Siremar, che recentemente ha soppresso due corse: quella del mattino, in arrivo da Milazzo alle ore 7, e quella del pomeriggio.
I manifestanti, riunitisi nella chiesa di San Vincenzo, hanno incontrato il sindaco di Lipari Mariano Bruno. Il presidente della circoscrizione Carlo Lanza ha esposto i disagi che gli isolani sono costretti ad affrontare. "I collegamenti con la terra ferma - ha detto - sono un servizio essenziale, di prima necessità e dal quale dipendono, per chi vive a Stromboli, tutti gli altri diritti che un Paese normale dovrebbe garantire ai suoi cittadini".
Dai collegamenti marittimi dipende innanzitutto il diritto alla salute, visto che l'ospedale più vicino è a Lipari e a Stromboli c'è solo un presidio di guardia medica. Ma anche il diritto allo studio è soggetto ai collegamenti via mare, visti che i docenti della scuola locale non hanno obbligo di residenza, e spesso fanno i pendolari con la terra ferma. Ci sono poi i ragazzi di Stromboli che viaggiano per frequentare le Scuole superiori.
Il sindaco, pur avendo manifestato il proprio disappunto, ha fatto presente che il cambio degli orari e degli itinerari degli aliscafi dipende dalla direzione generale della Siremar. Una proposta concreta è arrivata dal presidente della federalberghi Christian Del Bono. "È necessario che ci uniamo con i sindaci delle altre isole minori - ha detto - per questo ho richiesto una riunione urgente dell'associazione nazionale comuni isole minori, siciliana e nazionale, per fare pressione sul governo affinchè vengano rispettai e garantiti i nostri diritti".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

10 dicembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia