Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Alla scoperta del favoloso Borgo Parrini

A due passi da Partinico (PA) un luogo straripante di creatività dalla storia antica e travagliata

14 settembre 2020
Alla scoperta del favoloso Borgo Parrini
  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

È diventato un polo d'attrazione per turisti e curiosi. Un luogo che fa subito pensare all'estro artistico di Antoni Gaudì e alle sue decorazioni fatte di variopinte tessere di ceramica, colori caldi e mediterranei, allegria e buonumore. Case azzurre dalle porte contornate di giallo sole e case bianche dai balconi straripanti di fiori. Murales, dipinti e barche-vasi multicolori piene di piante ed alberelli.

Questo favoloso luogo si chiama Borgo Parrini e si trova a Partinico, a circa 30 km da Palermo.

La Tenuta dei "Parrini" e la sua storia

Uno scorcio del Borgo dei "Parrini" - ph. GiuliaFood
Uno scorcio del Borgo dei "Parrini" - ph. GiuliaFood

Borgo Parrini è ubicato nella contrada omonima e nasce agli inizi del '600, quando i Padri Gesuiti del Noviziato di Palermo ("I Parrini", appunto) acquistarono delle terre in alcuni feudi delle zone a nord est del territorio di Partinico.

Agli inizi del '700, per esercitare più da vicino il controllo sull'attività agricola dei coloni e dei contadini (basata essenzialmente sulla coltivazione delle terre a vigneti e agrumi), i gesuiti vi fecero costruire una Chiesetta dedicata a Maria SS. Del Rosario attorno alla quale si sviluppò un vero e proprio villaggio.

Una variopinta casa di Borgo Parrini

  • Vuoi soggiornare nella provincia di Palermo? Trova le strutture ricettive nella zona di tuo interesse - CLICCA QUI

Intorno alla metà dell'800 divenne un dormitorio per gli operai impiegati nell'azienda vitivinicola del principe francese Henry d'Orleans duca d'Aumale, che qui era arrivato per produrre e commercializzare il Moscatello dello Zucco.
A metà degli anni '70 del 900, il borgo fu abbandonato e nei decenni successivi inghiottito dall'oblio.

A tirarlo fuori dalla silenziosa oscurità dell'abbandono ci ha pensato chi quel borgo lo ha vissuto da bambino: Giuseppe Gaglio, imprenditore, partinicese doc.

"Io compongo frammenti di poco conto che insieme riprendono forma e vita sprigionando bellezza e speranza" - Giuseppe Gaglio

"Sono uno nato e cresciuto a Partinico e in quel borgo ho passato gran parte della mia vita. Trent'anni fa ho deciso di investire in questo luogo abbandonato. Ho acquistato quelli che erano dei ruderi e nel tempo, a poco a poco, li ho ristrutturati. Ma ho voluto osare e puntare sulla bellezza e sui colori del mediterraneo".

Colori che non sono stati scelti a caso. Infatti, quelli adottati per dipingere le case di Borgo Parrino si riallacciano alle tradizioni antiche: l'azolo (di colore azzurro e che si usava per lavare il bucato bianco) e l'ocra. Due colori largamente utilizzati per dipingere le abitazioni siciliane e che hanno poi ceduto il posto, purtroppo, agli squallidi e scialbi bianchi e grigi dei palazzoni di cemento di anni più recenti.

Murales realizzato da Peppe Vaccaro, dedicato a Frida Kahlo, in un muro di Borgo Parrini
"Frida alla Luna", murales realizzato dall'artista Peppe Vaccaro

Architettonicamente, invece, l'ispirazione è arrivata da altre culture mediterranee, come la Spagna, il Portogallo e la Grecia, e quindi il Parco Güell di Gaudì, le maioliche portoghesi e le casette di Santorini.

Per Gaglio, la rinascita di Borgo Parrini è diventato il progetto della sua vita a cui ogni anno aggiunge un tassello. L'ultimo è stato posizionato giusto l'anno scorso: la realizzazione di un centro culturale e caffè letterario, una vera "officina della cultura" che ha dato un'ulteriore spinta per far diventare ciò che oggi è il borgo, un irresistibile polo d'attrazione per turisti e curiosi

A Borgo Parrini si possono magiano tante cose buone...

L'Antico Panificio da Za Santa in fondo ad una viuzza di Borgo Parrini

  • Vuoi gustare la gastronomia tipica della provincia di Palermo? Scopri i locali del territorio - CLICCA QUI

A Borgo Parrini ci sono anche tre pizzerie e un panificio storico: "Nu Parrinaro", "A Stidda" e "La Borgatella" e l'Antico Panificio da "Za Santa". Quest'ultimo, aperto nel 1942, ancora oggi fa un pane buonissimo, cotto nel forno a legna, ed è diventato punto di riferimento per gli abitanti di Partinico e dei comuni limitrofi. 

Le specialità delle tre pizzerie, invece, sono "u vota e sbota" (una focaccia di grano duro che fa un passaggio rapido in forno - rigorosamente a legna - e viene girata e rigirata - vota e sbota - della pizzeria A Stidda) e la pizza al limone, buona in tutte e tre i locali.

La pizzeria A Stidda di Borgo Parrini

Vicino al Borgo c'è poi un allevamento di bufale con accanto il caseificio e la rivendita dei prodotti caseari come mozzarelle, burrate, ricotte e molto altro ancora.

Altra interessante realtà è quella della Cooperativa agricola No.E. (No Emarginazione), nata su un terreno confiscato alla mafia, dove tutto è coltivato in biologico ed è possibile acquistare ortaggi e verdure di stagione.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 settembre 2020

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE