A Palermo, il 28 e il 29 settembre, VI Convegno internazionale ''Perché Autistico'' 2007

27 settembre 2007

VI Convegno internazionale ''Perché Autistico''
Palermo, 28/29 settembre 2007
Aula magna economia e commercio - Università di Palermo

Si svolgerà a Palermo il 28 e 29 settembre prossimi la sesta edizione del convegno internazionale ''Perché Autistico''. Il convegno sarà effettuato presso l'aula magna di Economia e Commercio dell'Università di Palermo sita nell’ambito della cittadella universitaria di Viale delle Scienze a Palermo.
Il tema di questa sesta edizione è dedicato alle prospettive future, relativamente a clinica, abilitazione e integrazione sociale dei soggetti autistici. Il convegno è aperto a tutti grazie a una quota di iscrizione bassa (ad esempio solo 50 euro per i genitori e 30 euro per gli studenti) per consentire un'ampia diffusione e sensibilizzazione del problema che ogni anno colpisce sempre più bambini con una incidenza sempre maggiore nelle nazioni occidentali.
Come ogni edizione parteciperanno al convegno docenti, professori e studiosi della materia di caratura nazionale ed internazionale.
Il programma è scaricabile dal sito dell'AGSAS (www.autismoperche.it)  e contiene anche la scheda di partecipazione.

Cosa è l'Autismo - L'autismo viene considerato dalla comunità scientifica internazionale un disturbo pervasivo dello sviluppo che si manifesta entro il terzo anno di età con gravi deficit nelle aree della comunicazione (turbe qualitative e quantitative del linguaggio), dell'interazione sociale (turbe qualitative e quantitative delle capacità relazionali, con tendenza evidente all'isolamento), dell'immaginazione (uso inappropriato e stereotipato di oggetti) e con problemi di comportamento (auto ed etero aggressività, iperattività fisica accentuata, ipersensibilità alle variazioni dell'ambiente circostante o delle figure di riferimento affettivo); e pur accompagnandosi ad un aspetto fisico normale, perdura per tutta la vita.
Per queste ragioni, nella letteratura di riferimento, i bambini autistici vengono descritti come ''bambini bellissimi ma distanti... chiusi in una torre d'avorio'', chiamati ''bambini della Luna, per la loro distanza dagli altri, o bambini pesci, per il loro silenzio'', affascinanti e inquietanti ''per il mistero che li circonda'' (U. Frith, ''L'autismo. Spiegazione di un enigma'').

A causa della patologia, le persone ''autistiche'' incontrano gravi difficoltà e limitazioni nell'adattamento sia in ambito familiare che sociale e scolastico. La caratteristica più evidente è l'isolamento accertato dall'assenza di risposta verbale e non verbale (assenza di contatto oculare e della mimica) alle stimolazioni verbali e ambientali, dalla difficoltà a stare con coetanei e adulti, dai disturbi del comportamento (iperattività fisica accentuata, comportamenti ossessivi e spesso privi di senso, ecc.).
Scoperto nel 1943 dallo psichiatra infantile Leo Kanner e pur essendo da sempre esistito, sebbene l'evidenza della multicausalità del disturbo, l'autismo ancora oggi è un mistero per la ricerca scientifica: ipotesi biologiche, genetiche, farmacologiche, cognitive si sviluppano e si confondono ma senza mai arrivare ad una completa definizione. E non accertando le cause, non è possibile stabilire una cura per l'autismo. Le terapie o gli interventi, di tipo medico ed educativo/comportamentale, vengono scelti in base ai sintomi specifici di ogni individuo mantenendosi comunque oggetto di controversie rispetto alla loro efficacia.
Tutto questo fa sì che ''solitudine e inadeguatezza'' nell'affrontare le difficoltà del vivere quotidiano siano diventati un modus vivendi delle persone con disturbo autistico, delle loro famiglie e degli operatori professionisti.

La famiglia è il più delle volte costretta all'isolamento dalla vita pubblica e sociale principalmente a causa della scarsa informazione presente tanto nella gente comune quanto negli stessi operatori professionisti orientati o disorientati dai modelli di ricerca sposati, della mancanza di personale disponibile adeguatamente formato all'assistenza, dell'assenza reale di un coordinamento e di una semplice ''comunicazione'' tra i servizi, di una mancata ''mediazione'' tra la persona autistica e il suo contesto di vita.
E non solo…
Le fonti d'informazioni relative agli studi epidemiologici e le indagini statistiche più citate sull'incidenza del fenomeno riportano dati allarmanti.
Si stima che: ogni 10.000 persone nate 4/5 sono affette da autismo primario (media mondiale basata su indagini a larga scala condotte negli Stati Uniti ed in Inghilterra); ogni 10.000 persone 20 sono affette da sindrome autistica o comportamenti autistico-simili (media mondiale).
E' da notare che le stime sull'incidenza dell'autismo variano considerevolmente a seconda del paese, passando da circa 2 ogni 10.000 in Germania, ad addirittura 16 ogni 10.000 in Giappone.
Plausibili motivi di discrepanza sul tasso d'incidenza possono derivare da differenti criteri di diagnosi, fattori genetici e/o influenze ambientali. Il rapporto tra uomini e donne è di 4 a 1 (media mondiale). In Italia si suppongono 100.000 persone con autismo.
In Sicilia, secondo la valutazione dell’ICD10 si suppongono: circa 10.000 casi attesi di sindrome autistica; circa 2.000 casi attesi di autismo primario.
Nel territorio siciliano si stima che ogni 4 soggetti autistici maschi nasce un soggetto autistico femmina.

INFO
A.G.S.A.S. o.n.l.u.s.
Associazione Genitori Soggetti Autistici Siciliani
c/o presidio Ospedaliero ''Aiuto Materno''
Via Lancia di Brolo n. 10, 90145 Palermo
Tel. e Fax - 091 226331 / Tel. 091 7035400
www.autismoperche.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 settembre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia