Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Al largo del golfo di Catania, alla profondità di 2000 metri, ''Nemo'' misurerà i terremoti

In Sicilia il primo osservatorio abissale in Europa per ricerche cosmiche e geofisiche

30 aprile 2005

Il primo osservatorio sottomarino abissale in Europa per ricerche cosmiche e geofisiche, nato grazie alle sinergie tra l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), è stato collegato con gli strumenti a terra e comincia a diventare operativo.

L'attivazione del sistema sarà presentata alla stampa martedì 3 maggio nei laboratori nazionali del sud dell'Infn di Catania. Le operazioni di installazione e connessione al cavo sottomarino hanno reso possibile l'attivazione della stazione di prova del telescopio sottomarino per neutrini ''Nemo'' dell'Infn e la trasmissione a terra in tempo reale dei dati raccolti dall'osservatorio multiparametrico geofisico e ambientale ''Submarine Network-1'' (Sn1) installato dall'Ingv.

Il laboratorio sottomarino Nemo-Sn1 è localizzato a 25 chilometri al largo dell'Etna ad oltre 2.000 metri di profondità, creando una infrastruttura unica in Europa per ricerche in ambiente estremo.
La scelta di posizionare il Laboratorio Nemo-Sn1 a largo della Sicilia orientale nasce dalla convergenza di interessi tra l'Infn, interessato alla realizzazione di una stazione di prova per prototipi di un telescopio sottomarino per neutrini, e dell'Ingv.
L'area, infatti, è stata interessata da alcuni tra i più forti terremoti e maremoti che hanno colpito il territorio italiano, per cui il Laboratorio è il primo nucleo della rete per il monitoraggio degli tsunami nel Mediterraneo, annunciato a Kobe dall'Ingv con il nome di ''SuperMedNet''.

Alla conferenza stampa interverranno i Presidenti dei due Enti di Ricerca Enzo Boschi e Roberto Petronzio, Emilio Migneco, direttore dei Laboratori Nazionali del Sud, Paolo Favali dirigente di ricerca, responsabile delle attività marine dell'Ingv.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 aprile 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia