Assolti dopo 4 anni i registi Ciprì e Maresco

Il loro ''Totò che visse due volte'' non offende la religione

03 ottobre 2001
 

Franco Maresco e Daniele Ciprì, i registi del film "Totò che visse due volte", giudicato da alcuni blasfemo e sacrilego, sono stati assolti dal tribunale di Roma dalle accuse di offese alla religione e tentata truffa.

Assolti anche il produttore Rean Mazzone e lo sceneggiatore Carlo Iacolino.

Alcune scene del film erano in particolare sotto accusa perché contenevano "espressioni di scherno, di dileggio e di ingiurioso disprezzo nei confronti delle verità di fede - parole della pubblica accusa - affermate dalla religione cattolica e dei simboli da essa venerate".

Erano state chieste condanne per un anno e otto mesi, ma il giudice non ha accolto il parere dell'accusa.

I due registi sono stati anche assolti dall'accusa collegata alla richiesta di finanziamenti per un miliardo e mezzo al Dipartimento dello spettacolo; il magistrato ha dichiarato infatti l'insussistenza del fatto, poichè Ciprì e Maresco avevano rinunciato a quei soldi.

Il film uscì, con un budget bassissimo, nel 1997, e fece subito scandalo, con sit in, proteste, sequestro della pellicola, successiva uscita nelle sale con il divieto ai minori di 18 anni, poi l'inchiesta e il processo".

"Boicottati in Italia, all'estero è stato un successo - dice Maresco - fuori concorso, il film è andato Festival di Berlino. Abbiamo ricevuto premi e riconoscimenti in vari Paesi d'Europa, a Rotterdam, in Portogallo, il nostro lavoro è piaciuto a Londra, negli Stati Uniti, in Russia".

Intanto il presidente dell'Associazione Buoncostume, avvocato di parte civile nel processo, prepara l'appello.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 ottobre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia