Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Aumento di prezzi, ''carovita'', incipiente povertà? Tutti a casa con il telecomando in mano

Le paghette si abbassano e il numero dei giovani di fronte alla TV aumenta

11 febbraio 2004
Quando la crisi c'è, c'è per tutti, e tutti, direttamente o indirettamente, ne sono colpiti.
Tra questi tutti, ovviamente, sono compresi anche i giovani, che con il rincaro dei prezzi si sono visti costretti a fare dei drastici tagli pure sui divertimenti.
Eh già, l'effetto povertà che sta colpendo inesorabilmente la società italiana coinvolge anche i ragazzi. A rivelarlo è uno studio, promosso dalla rivista ''Marketingetv.com'', che verrà presentata a Roma il 2 marzo, su un campione di 800 giovani, secondo il quale 1 su 3 (dai 14 ai 18 anni) ridurrà i consumi per quanto riguarda il divertimento. Per lo studio, che riporta i dati del ministero del Welfare, sono 1 milione e 706 mila i minori che vivono sotto la soglia di povertà, quasi il 20% degli italiani che hanno meno di 18 anni.

Come "bene-rifugio", dunque non resta che la televisione, unico svago in controtendenza: non a caso la fruizione di tv, secondo l'auditel, è aumentata negli ultimi mesi sul target che va dai 14 ai 18 anni di 6 punti di share. A fare le spese della riduzione delle paghette saranno i consumi sportivi (-5%) con un crollo delle palestre del -15%; i libri (-20%), giornali e riviste (-7%), il cinema (-12%), i concerti (-32%); le discoteche (-6%); i locali (pub e birrerie -18%); ristoranti e pizzerie (-14%).
A risentire delle ristrettezze economiche dei giovani saranno però anche il mercato dei cd, che i giovani prevedono di tagliare per un tasso del 18%, e dell’abbigliamento (-11%); l'utilizzo di mezzi propri (motorini e auto -4%), i week-end lontani da casa (-15%).

Sempre più a casa, dunque, incollati alla tv, per la gioia dei genitori più apprensivi, e l'auditel conferma i risultati della ricerca: tra settembre e gennaio l'attenzione verso le trasmissioni dedicate ai giovani è letteralmente esplosa.
Un fenomeno allarmante, secondo lo psicologo Massimo Cicogna: 'E' inquietante - dice - che i giovani rimangano chiusi in casa a guardare la televisione. Questa tendenza potrebbe condizionarne i processi di socialità. Tuttavia mi conforta che l'auditel non segnali un significativo incremento di trasmissioni e film violenti'.
Sarà vero? Mah…

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 febbraio 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE