Le reazioni della gente all'operazione censimento

23 ottobre 2001
"Buongiorno, senta, sono qui per darle i moduli del censimento".
"No, grazie, non mi serve niente".

I rilevatori che in questi giorni stanno distribuendo in giro per la Sicilia - nei paesi e nelle città (dunque anche nelle periferie più disagiate) - migliaia di moduli messi a punto dall'Istat per il censimento degli italiani si sono sentiti rispondere anche così.

Ma basta fare subito un po' di chiarezza, e la diffidenza diventa cortesia e, al limite, anche un "si accomodi, signorina, che le preparo un caffè, … chissà che fatica dovere distribuire tutte queste carte, sa… ora che ci penso, anche la figlia di mia cugina ha preso questo lavoro …" e così via.

Alla fine, lavorare nelle zone cosiddette a rischio si rivela più agevole del previsto, ed anche umanamente più piacevole.
La gente nella maggior parte dei casi è gentile e disponibile - dicono molti dei rilevatori incaricati dall'Istat - anche perché attraverso la televisione hanno saputo che eravamo in giro.
Tutti accettano il modulo e congedano l'incaricato Istat ringraziando, spesso senza neanche chieder garanzie sul rispetto della privacy.

Argomento invece molto gettonato nei cosiddetti quartieri-bene.
La gente qui chiede chi leggerà i risultati, in che modo saranno diffusi e se è garantito l'anonimato.

Che i ricchi abbiano più cose da nascondere dei poveri?

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

23 ottobre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia