Caduti i pregiudizi tra Nord e Sud: terroni e polentoni non sono più nemici

Resiste solo qualche stereotipo

20 febbraio 2003
Pace fatta tra "terroni" e "polentoni".

A indagare sui rapporti tra Nord e Sud della Penisola è una ricerca condotta dall'Eurispes mediante un questionario distribuito ad un campione rappresentativo di 2.000 cittadini.

La conflittualità tra Sud e Nord del Paese pare appartenga ormai al passato.

Sia gli abitanti del Meridione, che quelli del Settentrione dichiarano di avere rapporti reciproci che sono "normali" (60% circa), in certi casi "eccellenti" (più del 10%).

Resiste solo qualche stereotipo.
I settentrionali sono ancora considerati "più freddi e distaccati", è svanita invece l'idea del meridionale che vive alla giornata.

Restano confermate la generosità del Sud, lo stacanovismo e l'alto senso civico del Nord.
Sono soprattutto gli over-65enni, i dirigenti e le casalinghe a continuare a vedere i "polentoni" come instancabili lavoratori.

"Gli italiani - sottolinea l'Eurispes - hanno accorciato le distanze e sembra che il conflitto Nord-Sud sia quasi del tutto superato. L'affermazione di Cavour "fatta l'Italia facciamo gli italiani", dopo circa un secolo e mezzo si sta concretizzando".

In particolare, il 60,3% degli intervistati al Sud vive rapporti con i Settentrionali che definisce "normali", per l'11% sono addirittura "eccellenti".

Il 23,2% evidenzia una "reciproca disponibilità" mentre, all'opposto, li vive come "ostili" il 4,2% del campione e "insopportabili" l'1,3%.
Per quanto riguarda la disponibilità è il Sud, rispetto al Centro e alle Isole, a registrare il più alto numero di consensi (26,2%).

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 febbraio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia