Dall'Ordine siciliano dei Chimici un allarme sui mini depuratori

09 maggio 2002
Non bastava la mancanza d'acqua, ora si affaccia anche il rischio dell'impurità.

L'Ordine siciliano dei chimici boccia gli apparecchi per ripulire l'acqua dei rubinetti e lancia un allarme per sollecitare controlli sulla purezza dell'acqua che proviene dai minidepuratori ad uso domestico.

"Abbiamo invitato, le ditte produttrici di queste a non fare un uso distorto della chimica per fini commerciali - spiega Eugenio Cottone, presidente dell'Ordine dei chimici di Sicilia - e li abbiamo anche sollecitati a non fare svolgere analisi chimiche a personale non qualificato, ma a basarsi solo sui dati ottenuti da esperti abilitati".

I rischi sono concreti: "Apparecchiature che modificano chimicamente la struttura dell'acqua - aggiunge Cottone - rappresentano potenziali fonti di pericolo. Per esempio, è vero che un filtro al carbone attivo assorbe tutte le sostanze nocive, ma è pure vero che, raggiunto un certo limite, tende a rilasciarle in un'unica volta. E dannosi per gli ipertesi possono essere quegli apparecchi che "alleggeriscono" l'acqua sostituendo al calcio il sodio".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 maggio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia