Dalla pagina allo schermo ''Pia'' diventa un film

La storia di un cieco bigotto e invelenito verso l'umanità

27 dicembre 2002
"Pia, il racconto di Giacomo Cacciatore pubblicato l'estate scorsa su "Repubblica", è diventato un cortometraggio, diretto da Giuseppe Gigliorosso e prodotto da Gruppo Corto.

A ritagliare il soggetto di "Pia" è stato lo stesso Cacciatore, che in tre notti, insieme a Raffaella Catalano, ha buttato giù anche la sceneggiatura.

Il racconto verte sulla storia di Tommaso Rubino, un cieco bigotto e invelenito verso l'umanità, che conduce un'esistenza senza luce per via dei suoi pregiudizi.

A un certo punto, però, s'innamora di Pia, la sua assistente sociale. Ecco, abbiamo scarnificato questo nucleo tematico e abbiamo reso la storia di un pregiudizio sottoforma di giallo psicologico.

A calarsi nei panni del protagonista c'è Benedetto Ranelli, mentre Pia è interpretata da Stefania Mulè, Giuseppe Santostefano è il commissario Passalacqua, e Nicolò Bellavista è il cliente della prostituta che abita al piano di sopra quello dove vive Rubino.

"Pia" è il secondo momento di una trilogia di cortometraggi, curata da Giuseppe Gigliorosso, dal titolo "Passione Amorosa" (il primo s'intitola "Sé…", già stato premiato in tre festival internazionali).

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 dicembre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia