I medici americani sostengono: ''Contro il colesterolo sono concesse alcune licenze''

Mandorle, tanta soya, e fibre come l'avena, l'orzo e il psillio

21 agosto 2003
Un regime dietetico particolare, non solo cioè a basso contenuto di grassi, ha mostrato in uno studio scientifico di ottenere gli stessi positivi effetti dei medicinali appositi nell'abbassare il colesterolo 'cattivo' nei pazienti.

L'indagine - pubblicata su Jama, la rivista dei medici Usa - spezza così una lancia in favore di un regime nutrizionale non abituale nel mondo occidentale: la dieta che è riuscita difatti in quattro settimane ad ottenere gli stessi benefici del farmaco ''lovastatin'' (utilizzato insieme a un regime alimentare poco grasso) comprende l'uso di alimenti quali mandorle, tanta soya, fibre come l'avena e l'orzo, psillio.

La ricerca ha seguito un gruppo di uomini e donne, tutti con un colesterolo troppo alto: i volontari sono stati divisi in tre gruppi. Uno seguiva una dieta ''magra'', l'altro una dieta ''magra'' con l'assunzione di ''lovastatin'', il terzo solo la dieta con molta soia ecc.

Dopo quattro settimane i volontari che assumevano il farmaco e quelli che avevano seguito solo la dieta ''alternativa'' hanno mostrato gli stessi, elevatissimi benefici: un abbassamento del colesterolo cattivo del 30%.

Per i volontari a dieta ''magra'' la diminuzione del colesterolo è stata pari solo all'8%.

Fonte: Ansa

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 agosto 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia