In memore del ceffone. Giustizia pubblica e ''giustizia'' privata sull'educazione dei figli

''Figlio mio se ti do' uno schiaffo non mandarmi in galera''

01 ottobre 2003
La pedagogia moderna ha insegnato a i nuovi genitori che esistono diversi modi per portare avanti l’educazione dei propri figli, e che, certamente, la vecchia pratica delle "legnate" non è fra quelle da adottare.
Al minaccioso mestolo di legno, sventolato come vessillo di giustizia dal pater o dalla mater familias, si è sostituito il "NO che fa bene" rivolto al pargolo con voce ferma ma comprensiva, e alla ciabatta furente, il ragionamento pacato e l’analisi comportamentale dell’intero nucleo familiare.
   
In un fatto di cronaca recentemente avvenuto, però, si viene a sapere che non commette il grave reato di maltrattamento in famiglia, il padre severo che a di fronte alle intemperanze di una figlia poco incline a rispettare le regole si lascia andare a reazioni scomposte, fatte di rimproveri (magari pesanti) e talvolta anche di schiaffoni.
Anche se, certo, gli si può contestare l’ingiuria e le percosse.

La Cassazione, che certo non esprime un giudizio di tipo morale, in punta di diritto interviene su un caso specifico e spiega: si tratta di un esercizio improprio da parte del genitori del cosi detto ''ius corrigenti'' che va valutato nello specifico contesto in cui è maturato.

Il caso è quello di Giuseppe C., padre siciliano condannato a 8 mesi di reclusione con la sospensione condizionale della pena.
A lui è capitato spesso di perdere la pazienza, con insulti minacce e talora botte, di fronte agli atteggiamenti della figlia, ragazza della condotta non proprio esemplare e insensibile al rispetto di qualunque regola di vita che indicava il padre, con il desiderio di tirar tardi la notte.
Un tipico conflitto generazionale che ha indotto stavolta la ragazza a denunciare il padre . Nessuna prova però di maltrattamenti ravvisava la Suprema Corte che ha annullato definitivamente la condanna inflitta a Giuseppe C.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 ottobre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia