La crociata degli hacker: pirati informatici o paladini della libertà?

04 luglio 2002
Si nascondono dietro nickname impenetrabili.

Sono pronti a difendere la propria privacy con le unghie. Gli hacker non hanno né nomi né volti noti: eppure basta navigare un po' in Rete per trovarli e farsi un'idea di quello che sono.

Non dei pirati informatici, come li definisce uno stereotipo comune, ma dei veri militanti del web, seguaci di Tux (il pinguino-logo del famoso sistema operativo Linux), contrari al monopolio delle multinazionali informatiche e capaci di mandare in tilt i server di aziende e istituzioni.

Il loro obiettivo è promuovere la libera circolazione delle idee su Internet e combattere lo strapotere di colossi come la Microsoft tramite la diffusione di free software, di programmi, cioè, il cui codice sorgente (il linguaggio in cui sono stati sviluppati) venga messo a disposizione degli utenti per eventuali cambiamenti e modifiche.

Per raggiungere questi obiettivi gli hacker creano gruppi di lavoro - i cosiddetti hacklab - organizzano seminari, campagne d'informazione on-line, raduni internazionali.

Di questi ultimi il più importante in Italia è l'Hack-it.
Nato nel 1998, dopo aver fatto tappa a Firenze, Milano, Roma e Catania, quest'anno la manifestazione è approdata a Bologna, nell'ultima settimana dello scorso giugno.

Ma la storia inizia almeno 20 anni fa quando Internet praticamente non esisteva e i primi attivisti virtuali erano legati al circuito delle bbs. Da allora è cambiato praticamente tutto, tecnologie comprese e nel 1998 è nata anche l'esigenza di un appuntamento "fisico" per una comunità virtuale che con il boom di Internet è cresciuta a dismisura.

Il cuore dell'hackmeeting, infatti, non è nient'altro che uno spazio dove ogni avventore mette il suo computer in rete con gli altri per scambiarsi informazioni, aggiornamenti tecnici e sperimentare tecnologie e programmi autoprodotti, tutti o quasi sviluppati utilizzando software libero da copyright e in particolare Gnu/Linux.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 luglio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia