La prima sperimentazione, a livello nazionale, sul Dna dei bovini parte dalla Sicilia

Fra ricerca scientifica e scambi commerciali europei

30 novembre 2002
La prima sperimentazione a livello nazionale sulla tracciabilità delle carni con sistema Dna, parte dalla Sicilia, con un progetto di ricerca che è stato presentato dall'assessore regionale all'Agricoltura, Giuseppe Castiglione, nella facoltà di Veterinaria di Messina.

La sperimentazione, che verrà eseguita dalla Corfilcarni (Consorzio regionale di ricerca filiera carni), con la partecipazione di soggetti pubblici e privati, rientra nell'ambito del progetto promosso dall'assessorato sulla sicurezza alimentare. Il progetto prevede che entro il 2004 saranno almeno 5000 (circa il 10 % dell'intera produzione siciliana di vitelli allevati, macellati e commercializzati) i bovini che verranno sottoposti alla sperimentazione che comprende l'analisi Dna.

Sempre in materia di zootecnica, in questi mesi si sono svolti incontri tra l'assessore regionale all'Agricoltura e una delegazione russa composta dal vicepresidente dell'Accademia delle scienze agricole Vladimir Fisinin e dal responsabile dei processi di allevamento degli animali da pelliccia, Nikolai Balakirev, con  l'obiettivo di sviluppare una serie di progetti comuni -diretti a creare scambi anche commerciali- in vista della prossima adesione della Russia all'Unione europea.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 novembre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia