Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Le bellezze della Sicilia, anche questa estate, inaccessibili ai turisti

Musei e siti chiusi nelle domeniche d’estate: la Regione è senza soldi

03 luglio 2017
Le bellezze della Sicilia, anche questa estate, inaccessibili ai turisti

Ieri, prima domenica di luglio è stata anche l’ultima domenica in cui musei e siti archeologici siciliani sono rimasti aperti. Da sabato 8 luglio cancelli chiusi nei festivi, nei prefestivi e di notte.
Lo ha annunciato in una nota Sergio Tufano, presidente della Sas, la società partecipata che con i suoi 1.900 dipendenti gestisce il servizio di custodia e vigilanza nei beni culturali, come riporta il Giornale di Sicilia.
"La Finanziaria - si legge nella nota - ci ha tagliato i fondi per le turnazioni, mancano un milione e 800 mila euro. E per di più anche i finanziamenti previsti non sono mai arrivati. Così abbiamo anticipato noi per i primi sei mesi dell’anno circa 900 mila euro. Ora però siamo costretti a bloccare tutto".
Eppure il direttore del dipartimento Beni culturali, Gaetano Pennino, si dice ottimista: "Stiamo studiando tante soluzioni. Credo che eviteremo la chiusura dei siti". Anche se la soluzione principale che era stata messa sul tappeto dal governo quando si è prospettata la crisi di cassa è quella di aggiungere al budget circa 900 mila euro: era pronto un emendamento alla Finanziaria, che però in due mesi di lavori all’Ars ancora non è arrivato.

I sindacati sono in allarme. E mettono sul tappeto la loro disponibilità a trattare per evitare la paralisi. Tra le proposte l’introduzione di un sistema incentivante innovativo, che non penalizzando i lavoratori possa assicurare l’apertura continuativa dei siti sulla falsariga di quanto ha fatto a livello nazionale il ministro Dario Franceschini; l’utilizzo dei precari Asu (già a libro paga della Regione) per dare supporto ai custodi o ancora l’apertura alle sponsorizzazioni dei privati per incrementare le esigue risorse.
Sulla questione è intervenuto anche Toti Piscopo, direttore editoriale di Travelnostop.com che, intervistato dal Giornale di Sicilia, invoca l’apertura alla collaborazione con gli operatori privati a partire dalla commercializzazione e messa in rete dei biglietti per provare a risollevare le sorti del settore. "Si tratta di un autogol clamoroso - sostiene Piscopo - uno sfregio di immagine prima ancora che economico considerando che la Sicilia attualmente è fra le destinazioni prioritarie globali". [Fonte: Travelnostop Sicilia]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 luglio 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE