Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Oggi, 3 Maggio 2004, è la ''Giornata Mondiale della libertà di Stampa''

L'Unesco in difesa del fondamentale diritto umano all'informazione

03 maggio 2004

Poiché le guerre nascono nella mente degli uomini, è nella mente degli uomini che devono essere elevate le difese della pace.
(Dal Preambolo dell’Atto Costitutivo dell’UNESCO)

Oggi si celebra in tutti gli Stati Membri dell’Unesco la "Giornata Mondiale della Libertà di Stampa" dedicata in particolare quest’anno ai paesi in conflitto o in via di transizione.
Così ha commentato la Giornata, il Prof. Giovanni Puglisi, Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco: "Quello della libertà di stampa e, più in generale, della libertà di espressione è un principio universale che, nonostante il suo ormai lungo percorso, trova ogni giorno ostacoli e limitazioni sia in paesi afflitti da gravi problemi di povertà sia, spesso, anche in altri più fortunati. La giornata mondiale della Libertà di Stampa - ha proseguito Puglisi - rappresenta da parte dell’Unesco uno sforzo a cui associare le opinioni pubbliche degli Stati membri a difesa di questo principio e a tutela di tutti coloro che operano nel mondo dei media. Le Commissioni nazionali - e in questo senso ha operato e opera quella italiana - sono chiamate a concretizzare sul campo questo sforzo organizzando e promuovendo quelle riflessioni e quegli eventi che possono tenere vivo, nell’opinione pubblica, l’impegno per la libertà di stampa, negli operatori, l’attenzione all’etica professionale, in tutti, il ricordo e l’ammirazione per i giornalisti che hanno perso la vita per svolgere correttamente la propria missione di informazione."

Manifestazione centrale della Giornata sarà l’incontro-dibattito "La libertà di stampa tra guerra e pace" che si svolgerà a Roma. Altre manifestazioni sono previste a Milano e a Catania.

La manifestazione di Catania, nata dalla collaborazione tra la Commissione Nazionale e la Free Lance International Press, si svolgerà presso l’auditorium della scuola media "Cavour". Rappresentanti dell’Unesco, giuristi e giornalisti tratteranno il tema da diverse angolazioni, con attenzione primaria al valore in sè della libertà di stampa.
Relatori del convegno, moderato dal prof. Santo Ligresti, saranno il prof. Giovanni Pampanini, rappresentante della Commissione Nazionale dell’Unesco, il dott. Nicolò Marino, magistrato, esperto della commissione nazionale sulle ecomafie, i giornalisti indipendenti  Marco Benanti, responsabile territoriale per il  Sud della "Free Lance International Press" e Simone Spina.

L’Unesco promuove la libertà di stampa e di espressione come diritto fondamentale dell’uomo, organizzando e monitorando attività di vario genere, sottolineando l’importanza del pluralismo e dell’indipendenza dei media in qualsiasi sistema democratico e facendo pressione sul mondo politico perché questo sia sempre consapevole della necessità di garantire la libertà di espressione.
Ogni anno, il 3 maggio è un’occasione per celebrare i principi fondamentali della libertà di stampa, valutare l’effettiva libertà dei mezzi di comunicazione in tutto il mondo, difendere i media dagli attacchi alla loro indipendenza e pagare il tributo ai giornalisti che hanno perso la vita nell’esercizio della loro professione. Ma è anche un’occasione per informare il pubblico delle violazioni della libertà di stampa che purtroppo ancora si verificano. In dozzine di paesi si censura la stampa e editori e giornalisti vengono minacciati, arrestati o addirittura uccisi. E’ inoltre una giornata di riflessione sulle professioni dei media riguardo la libertà di stampa e l’etica professionale.
Nei paesi in conflitto o in via di transizione, la mancanza di fonti di informazione credibili può seriamente aumentare il sentimento di insicurezza della popolazione, può esasperare paura e frustrazioni. Al contrario, la loro presenza può favorire la riconciliazione e la gestione del conflitto a lungo termine.
Dare assistenza ai media indipendenti in aree di conflitto o tensione è quindi vitale per supportare questi paesi nel raggiungimento di una situazione di pace e stabilità nella quale  i diritti umani siano una realtà per tutti.
Nel nostro paese la Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, oltre ad organizzare  una serie di eventi, ha invitato le redazioni a celebrare la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa con articoli, interventi, dibattiti o semplici commemorazioni per i colleghi dei media che hanno perso la vita nello svolgimento del proprio lavoro.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 maggio 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE