Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Per imparare c'è sempre tempo. La storia di Raffaele Bulla, studente modello di Adrano (CT)

L'altro ieri è stato il suo primo giorno di medie

21 settembre 2005

Per il vecchio Socrate, colpevole di essersi rifiutato di riconoscere gli dei riconosciuti dalla città e di avere introdotto altre nuove divinità, e colpevole di avere corrotto i giovani (con la filosofia), venne richiesta la pena di morte.
Socrate si sottopose al processo e accettò la condanna, pena capitale mediante somministrazione di cicuta (una pianta fortemente velenosa).
Si racconta che Socrate, nei giorni passati in carcere chiese se poteva ricevere delle lezioni di lira, perché, anche se vicino alla sua ultima ora, c'era sempre tempo per imparare.
Si narra inoltre che assunto il potente veleno, Socrate spiegò in maniera cristallina, a chi volle stargli vicino fino alla fine, quali effetti la cicuta gli provocava finché le sue palpebre si chiusero e il suo respiro cessò.

Non sarà un filosofo né tanto meno personaggi come Platone hanno trascritto la sua saggezza, ma sicuramente Raffaele Bulla è la conferma della veridicità delle parole di Socrate quando afferma che per imparare c'è sempre tempo e lo si può fare ad ogni età.
Di chi stiamo parlando? Chi è Raffaele Bulla?
Raffaele Bulla vive ad Adrano, un paese alle pendici dell'Etna, a 40 chilometri da Catania, ha già conseguito la licenza elementare e giusto l'altro ieri è tornato a scuola: comincia la prima media.
Fin qua nulla di straordinario, solo che Raffaele Bulla ha 87 anni.

Il signor Raffaele, classe 1918, da un paio di anni è uno studente modello del Centro Eda di Biancavilla, una scuola serale per adulti, dove ha brillantemente conseguito la licenza elementare.
L'anno scorso, stanco di passare i suoi pomeriggi al circolo ricreativo a giocare a carte, ha comprato i testi scolastici ed è tornato sui banchi. Certo, i suoi compagni non erano bambini perché la scuola era quella serale per adulti, ma lavagna e compiti sono gli stessi dei più piccoli.
''Da bambino - ha racconta il signor Bulla sul sito www.girodivite.it - ho avuto modo per un breve periodo di frequentare la scuola, ma a quei tempi la vita era dura e già all'età di 8 anni mio padre mi portò con lui in campagna a zappare, a 12 anni ricevevo una mia paga di 11 lire. Fu prima di partire per il servizio militare, a vent'anni, che imparai a mettere la mia firma. Così ho deciso di iscrivermi a scuola e mi trovo benissimo''.
A scuola, Raffaele non ha nemmeno un'assenza e gli insegnanti lo considerano ''un alunno rispettoso, disponibile e volenteroso''. E' portato più per la matematica e in artmetica, assicurano, è particolarmente bravo. 

Il nipotino del signor Bulla è particolarmente orgoglioso di suo nonno, e dopo aver visto nei telegiornali le immagini di Kimani Nganga Maruge, il nonno del Kenya di 85 anni ripreso dalle telecamere del mondo seduto ai banchi di scuola accanto a bambini di 7 anni ed entrato nel Guinness dei Primati, ha deciso sia giusto che si venga a sapere che il nonno più vecchio a tornare sui banchi di scuola non si trova in Kenya e non ha 85 anni, ma è di Adrano è ha 87 anni. Con determinazione, il nipote del signor Bulla, carte alla mano, si sta prodigando per dimostrare la verità.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 settembre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia