Per invecchiare bene è necessario un patto col diavolo?

No! basta fare sesso, sport e cruciverba

06 dicembre 2001
Macché elisir di lunga vita, piuttosto esercizio mentale, attività fisica e sesso. Si campa cent'anni.
Ecco la ricetta per la longevità possibile, indicata dal professore Luciano Motta, direttore di medicina interna e geriatria dell' ospedale Cannizzaro di Catania.
Il quale precisa che la ricerca dell'elisir di lunga vita non è tra gli obiettivi della ricerca medica che punta piuttosto alla qualità della vita, anche dei centenari. E questa tesi non è solo del professor Motta, ma anche dei geriatri europei che da oggi si confronteranno per tre giorni a Catania sul "Successful aging", ovvero sull'invecchiamento di successo.

"Faust non esiste - sottolinea il presidente del congresso, il prof. Luciano Motta, direttore di medicina interna e geriatria dell' ospedale Cannizzaro di Catania - quello a cui si punta è a dare maggiore durata ma soprattutto qualità della vita a tutti gli uomini". Il dato di partenza dei lavori è la constatazione che la vita media negli ultimi vent' anni si è allungata, passando da 67,2 a 74,9 anni per gli uomini e da 72,3 a 81,3 anni per le donne. Ma se non esiste il mito dell'eterna giovinezza e se non ci sono elisir da comprare ci sono dei 'segreti' per arrivare a diventare centenari.

E' quello che il prof. Motta definisce il 'Network' per l' invecchiamento di successo. "Innanzitutto - spiega - è importante l' ereditarietà: se si hanno genitori anziani aumentano le probabilità di arrivare ad età elevate, perchè è stato accertato una correlazione ereditaria". Per questo i ricercatori puntano molto sullo studio del Dna. "Sicuramente - sottolinea il prof. Motta - è dal genoma che potrebbe arrivare la svolta per la lotta all' invecchiamento: basterebbe trovare, se esiste, il gene responsabile e bloccarlo o limitarne l' attività". Ma in questo settore le tesi sono diverse. E se dagli Stati Uniti arriva la notizia che nel cromosoma 4 sarebbe stato isolato il gene della longevità, dalla Germania arriva subito l' esito di una ricerca secondo la quale i geni sarebbero eterogenei e si troverebbero su diversi cromosomi. E c' è una terza ipotesi di lavoro che parla di geni che interverrebbero sull' invecchiamento, ma che non ne sarebbero i responsabili diretti.

In mezzo a tante tesi il prof. Motta rilancia il proprio 'network' della longevità e sostiene che per diventare centenari, o quasi, è necessario esercitare costantemente la mente, con esercizi di memoria e di applicazione cerebrale, fare la dovuta attività fisica e non rinunciare al sesso. Secondo il ricercatore però la longevità media è aumentata "non tanto perchè si è riusciti a combattere l'invecchiamento, ma soprattutto perchè si registrano continui successi contro le malattie e i fattori ambientali ed alimentari che impediscono l'invecchiamento dell'uomo". "Certo - rileva ironico il prof. Motta - ci sono elementi che non sono prevedibili come un incidente stradale o un attentato dinamitardo, ma la vita dell' uomo si è ormai allungata e il dato medio è destinato ad allungarsi. la longevità è ormai alla portata di quasi tutti, purchè sia un traguardo vissuto in condizioni di buona qualità".

Fonte: La Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 dicembre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia