Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Sicilia internauta e digitale

La Sicilia tra primato di aziende impegnate nell'e-commerce e Digitale terrestre

27 settembre 2004

Vi ricordate l'Italia delle "Tre I"? In Sicilia una delle "I" berlusconiane sembra essere attecchita con preponderanza: la I di Internet
La Sicilia infatti, al convegno su "Multimedialità e convergenza tecnologica" che si è tenuto a Firenze, è risultata la regione italiana dove le imprese hanno la più alta percentuale sia di accesso a Internet, sia il più alto numero di imprese impegnate nell'e-commerce.
Complessivamente negli ultimi quattro anni l'importanza dell'Information and communication tecnoclogy (Ict) è aumentato in modo assai consistente sia nell'economia italiana, sia nella vita degli italiani, e sembra proprio che ciò sia rintracciabile nelle percentuali appartenenti alla Sicilia: il 92,6 % delle imprese siciliane è collegato a Internet e la Sicilia risulta così al terzo posto in Europa ex aequo con la Catalogna, precedendo la Lombardia (settima con l'88,6 %), la Toscana ottava con l'88,3 % e il Lazio nono con l'87,8 %.

Le imprese siciliane hanno anche un altro primato italiano, questo condiviso con il Lazio, ossia quello delle vendite on line praticate dal 6,1 %, vendite abbastanza lontane dal primo posto del Salzburg (Austria) che è a quota 27,4%.
Tra il 1999 e il 2003 i computer presenti nelle imprese e nelle case degli italiani sono passati da 7,7 a 15,3 milioni. Le abitazioni con accesso a Internet sono passate dal 19,2 del 2000 al 35,4 del 2003 e le aziende connesse sono passate dal 65,99 all'81,30 %. Il numero di domini internet registrati è letteralmente  "volato": da 63 mila del 1999 a quasi un milione del 2003.
Inoltre, nonostante la crisi della telefonia mobile degli ultimi anni tra il 1999 e il 2003 gli utenti sono passati dal 44,1 al 72,7% della popolazione, le linee mobili attive da 30,3 a 50,6 milioni, gli sms inviati 1,7 a 28,5 miliardi. Gli italiani, inoltre, gestiscono i propri soldi sempre più con l'home banking: nel 1999 i conti correnti on line erano circa 500 mila; sono saliti a 6,3 milioni alla fine del 2003. Crescita inferiore, ma non meno significativa per le imprese: nel 1999 le aziende utenti del corporate banking erano 177 mila, alla fine del 2003 sfioravano le 800 mila unità.

L'Italia cresce velocemente anche nella banda larga: a fine 2003 gli accessi erano 2,2 milioni e il paese complessivamente ha un tasso di crescita del 2% che lo colloca solo alle spalle della Svizzera (2,6%) e della Cina (2,2). Nonostante questi "numeri" l'Italia spende ancora poco per l'Ict: 384 dollari pro capite rispetto ai 1.211 degli States, i 742 della Germania e del Regno Unito e i 716 della Francia. Ciò significa che l'Ict "pesa" sul Pil per l'1,97% contro il il 3,8 degli Usa, il 3 % della Germania, del Regno Unito e della Francia.

E la volontà d'avanguardia "internautica-digitale" della Sicilia non si ferma solo ai dati sopra citati, anche il panorama del digitale terrestre è stato già contemplato dagli organi di dirigenza politica della Regione. Infatti, tra qualche mese i siciliani potrebbero avere la possibilità di prenotare una visita in ospedale o richiedere un documento al catasto utilizzando il telecomando, comodamente seduti il poltrona davanti al televisore collegato a un decoder digitale terrestre.
Tutto ciò rientrerà nelle possibilità reali se il Ministero delle Telecomunicazioni valuterà positivamente due progetti di e-government presentati dall'assessorato regionale alle Comunicazioni a valere sul bando del Cnipa (pubblicato lo scorso giugno), e partire in via sperimentale a Palermo, Catania e Siracusa.

I progetti sono stati presentati dall'assessore regionale alle Comunicazioni Fabio Granata e dal direttore del Dipartimento Comunicazione, Giovanni Lo Bue.
Il progetto "DigitaleTerrestre. Palermo", pari a un milione di euro, vede tra i partner dell'assessorato regionale alle Comunicazioni: il Corecom, il Cefpas-Sicilia, la Telecom, il Comune di Palermo, l'Ospedale Civico e Benfratelli G. Di Cristina e M. Ascoli, Trm, Telemed 2 e Marconi Impianti Srl.
Il secondo progetto, "DigitaleTerrestre. Catania.Siracusa" e pari a un milione di euro, ha come partner il Corecom, la Provincia e il Comune di Catania, la Telecom, il Cefpas-Sicilia, la Sige Spa, Telecolor e MyTv. Per entrambi i progetti la quota di cofinanziamento del ministero è di 500 milioni di euro.

"Con questa sperimentazione - spiega Lo Bue - utilizzeremo le risorse del digitale terrestre per fornire servizi ai cittadini. Entro un mese il Cnipa sceglierà i progetti presentati. Il giorno dopo saremo pronti a partire con la sperimentazione che avrà una durata di dieci mesi". Per l'assessore Granata, con il progetto "si vuole favorire l'alfabetizzazione tecnologica dei cittadini grazie allo strumento a loro più familiare, ovvero la televisione".
"Il digitale terrestre - aggiunge - permetterà di fruire grazie al telecomando di numerosi servizi, evitando, ad esempio, di andare a fare la fila al municipio per richiedere un certificato. Per il futuro stiamo anche pensando a un intervento nel campo della televisione satellitare, coinvolgendo i grandi soggetti regionali nel campo delle comunicazioni".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 settembre 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE