Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Siglata a Reggio Calabria un protocollo d'intesa tra l'Università di Palermo e l'Agenzia nazionale dei beni confiscati

07 luglio 2010

Un protocollo d'intesa tra l'Università di Palermo, l'Agenzia nazionale dei beni confiscati e la Direzione nazionale antimafia, è stata siglata nella prefettura di Reggio Calabria, città dove si trova la sede nazionale dell'Agenzia. Il protocollo, che prevede lo svolgimento di attività tecnico-scientifiche e didattico-formative nel triennio 2010-2013 su tematiche connesse alle sanzioni patrimoniali applicabili alla criminalità mafiosa, è stato sottoscritto dal rettore dell'Ateneo siciliano, Roberto Lagalla, dal procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso e dal direttore dell'agenzia nazionale Mario Morcone. "La lotta alla mafia - ha detto Grasso - non riguarda l'impegno soltanto delle forze dell'ordine e dei magistrati. E' necessario che tutta la società si faccia carico e sia pronta, per i livelli di diversa responsabilità, a lavorare affinché i beni confiscati siano resi effettivamente produttivi. Spesso ci sentiamo rivolgere critiche secondo cui i beni confiscati, e tra questi molte imprese, creano problemi per l'occupazione. A questa tesi non solo rispondiamo che si tratta soprattutto di imprese cresciute con l'intimidazione e la minaccia, che distorcono il mercato e che hanno trovato facilmente l'accesso al credito, ma rilanciamo sapendo che l'acquisizione di questi beni da parte della collettività non è solo un problema etico, ma un percorso concreto che veda il bene confiscato gestito efficacemente e capace di dare ricchezza". Morcone ha sottolineato "le criticità finora riscontrate, soprattutto negli enti locali di cui l'Agenzia aspira a diventare serio punto di riferimento nell'acquisizione dei beni confiscati, collaborando per fornire utili indicazione e strumenti normativi e tecnici per rendere i beni fruibili concretamente. Molti sindaci - ha aggiunto - vivono e devono affrontare situazioni difficili e per questo, soprattutto nei piccoli comuni, vanno aiutati in questo percorso di legalità".
Nel corso della cerimonia è stata annunciata anche l'istituzione di un Albo degli amministratori giudiziari, figure fondamentali nella gestione dei beni, e la effettuazione di corsi di alta formazione e master orientati a questo settore delicato. All'iniziativa hanno partecipato il prefetto di Reggio Calabria Luigi Varratta, il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, il questore Carmelo Casabona, i comandanti provinciali dei carabinieri e della Guardia di Finanza, Pasquale Angelosanto e Luigi Reda[ANSA]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 luglio 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia