Una ricerca rivela che un sonno intenso e pieno di sogni favorisce il successo

22 maggio 2002
Un pool di oltre 100 tra medici, ricercatori e studiosi italiani del sonno, sfata definitivamente alcuni luoghi comuni sul sonno e sul suo rapporto con il benessere fisico e psicologico, mettendo in discussione i risultati di un recente e autorevole studio americano sullo stesso argomento condotto dall'Università della California.

L'importante è dormire bene, non dormire tanto. Chi dorme poco ha più successo e dimostra certamente maggiore genialità, gli esempi celebri lo dimostrerebbero: Napoleone dormiva tra le 2 ore e le 4 ore a notte, Winston Churchill circa 3 ore a notte, 3 ore a notte anche per Papa Giovanni XXIII e per Luigi Pirandello, mentre Leonardo aveva un metodo tutto suo di dormire: 15 minuti ogni 4 ore.

Un’altra risposta viene data dagli studiosi di casa nostra, ad un quesito che convoglia la durata del sonno e la longevità.
Non ci sarebbe alcuna connessione fra le ore passate fra le braccia di Morfeo e la più lunga durata della vita, tutto muta da caso a caso.
Vera è la possibilità che dormire poco faccia diventare più aggressivi e nuocere all'umore, ma di accorciare la presenza sul pianeta terra è fuori discussione.

Il sonno che fa bene deve essere profondo e ricco di sogni e niente affatto lungo.
Dormire poco è utile per tenere sveglia la mente, al contrario dormire tanto finisce per causare un intorpidimento che è difficile combattere.

Beh, vi auguriamo sonni intensi e pieni di sogni, ma attenzione: a letto con le galline e sveglia all’alba!

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

22 maggio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia