Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Ascoltare l'acqua di Palermo: cosa ha da dirci il Fiume Oreto

Il progetto partecipativo U-DATInos giunge alla seconda fase. Al via la raccolta dati

05 gennaio 2021
Ascoltare l'acqua di Palermo: cosa ha da dirci il Fiume Oreto
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

"Questa esperienza è prima di tutto una grande responsabilità. Essere custode dell'acqua non è solo rilevare i dati del fiume Oreto: è custodire e quindi sorvegliare con cura la città. Ascoltare il fiume e lo scorrere dell'acqua è un po' come sentire la voce di Palermo, mi sento orgogliosa di dare un contributo alla creazione di qualcosa che possa valorizzarla." - Nathalie Rallo, studentessa, Accademia di Belle Arti di Palermo

Fiume Oreto, Palermo

U-DATInos, il progetto dell'Ecomuseo Urbano Mare Mermoria Viva, firmato dal duo di artisti/ricercatori Iaconesi/Persico, vincitore del bando Creative Living Lab II edizione e promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo (LEGGI), è arrivato alla sua seconda fase: inizia la raccolta dati sul fiume Oreto.

Progetto U-DATInos

  • Vuoi fare un'escursione organizzata a Palermo e dintorni? CLICCA QUI

Nelle scorse settimane si sono svolti i due workshop online rivolti a studenti e cittadini, nel corso dei quali gli artisti si sono confrontati con i partecipanti insieme al team dell'Ecomuseo.

Si è parlato del Fiume Oreto, raccontato cos'è il progetto U-DATInos e le ragioni che hanno portato a immaginare una raccolta partecipativa di dati, ci si è confrontati sul tema delle acque urbane, del loro inquinamento e degrado e della possibilità di recuperarle alla città all'interno di un progetto più ampio e condiviso.

Progetto U-DATInos

  • Vuoi visitare i musei e i luoghi d'arte di Palermo e dintorni? CLICCA QUI

In occasione dei workshop sono state fornite le indicazioni su come procedere nella raccolta dei dati, grazie ad una app che geolocalizza il punto della rilevazione e i tipi di dati che generano i sensori a contatto con l'acqua.
Concluse le operazioni di settaggio, ogni partecipante era pronto ad iniziare la sua esperienza di "Custode dell'Acqua".

Progetto U-DATInos

Nei giorni scorsi il gruppo si è dato appuntamento per la prima rilevazione collettiva sul fiume Oreto. Coinvolti in tutto 16 Custodi dell'Acqua: sette studenti dell'Accademia di Belle Arti e nove cittadini, fra attivisti dell'ambiente, ricercatori, promotori del Comitato Promotore per il Contratto di Fiume e di Costa Oreto.

Il gruppo ha messo insieme la propria conoscenza del territorio creando una mappa degli accessi al fiume e un calendario condiviso, con l'obiettivo di raggiungere almeno tre rilevazioni alla settimana.

IL DESTINO DEI DATI E LA PROSSIMA SPEDIZIONE

Fiume Oreto, Palermo

Da soli o in piccoli gruppi, i Custodi dell'Acqua si muovono lungo il fiume alla scoperta di una natura urbana tutta da conoscere, muniti di sensi, ruoli e strumenti completamente nuovi.

I dati raccolti vengono caricati in tempo reale su una mappa, in cui i partecipanti potranno seguire il procedere le rilevazioni, e saranno una sorgente aperta - open data - accessibile a tutti, e soprattutto generativa: un meccanismo appropriabile dalla città, per tutti: i bambini delle scuole, le famiglie, gli appassionati di natura e tecnologie, i ricercatori.

udatinos.eu

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 gennaio 2021
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE