A Catania cantano i Lali Puna, elettronica minimale ed attitudine pop

12 settembre 2002
La band tedesca è una delle più brillanti rivelazioni degli ultimi anni; l'affascinante mix di elettronica minimale ed attitudine pop che permea le canzoni dei Lali Puna ha già sedotto personaggi illustri come Colin Greenwood dei Radiohead, Bomb the Bass, Andrew Weatherall.

I Lali Puna (dal nome da bimba della cantante, Valerie "Lali", e dal suo luogo di nascita, Puna in Corea) saranno stasera ai Mercati Generali di Catania.

La Germania ha una scena indipendente bella e vitale che merita molta attenzione. Né c'è da sorprendersi, visto che una delle influenze principali per tanta musica odierna arriva proprio da questa nazione e dal kraut-rock degli anni settanta.

Fatto sta che proprio da lì sono venuti alcuni tra i segnali più interessanti degli ultimi anni, dai Notwist ai Mouse On Mars.
I Lali Puna suonano un  elettronica essenziale, povera, come la suonano gli Stereolab o i Yo La Tengo esaltata  dalla splendida voce di Valerie Trabelijahr.

Qualche giorno dopo il live set di Catania , i Lali Puna saranno di scena al Centre Pompideu di Parigi .

LALI PUNA
live  Moormusic  Rec  ( Ger / Cor )
giovedì 12  settembre, ore 23 


Breve intervista a Valerie Trabelijahr :
C'e' chi (come Bjork o i dirigenti della Warp) s ostiene la fine del sound "batteria basso e chitarra"; ci sono invece artisti che vedono nella musica elettronica un'eccessiva freddezza e razionalità. Qual è la tua posizione, considerato che i Lali Puna sembrano avere punti di contatto con ambedue i percorsi?
La musica elettronica ha costituito una rottura con il lato emozionale, espressivo, dell'indie rock e della musica cosiddetta alternativa, che via via è divenuta sempre più normale musica rock...il fatto che l'elettronica fosse fondata sul minimalismo, sulla reiterazione di ritmi e melodie, sull'impersonalità di molti protagonisti (dj, produttori spesso senza faccia e con pochi segni di riconoscimento) è stato molto importante. Con i Lali Puna cerchiamo di combinare il minimalismo e la mono-tonia di certa elettronica, con alcuni momenti di indie-pop, per creare una tensione.
Tre canzoni che ti hanno spezzato il cuore....Low: will the nightBonnie Prince Billie: at the break of day Henry Mancini: moon river.
Da bambina sognavi di diventare una cantante-musicista, una ballerina o un'astronauta?
Sognavo di diventare una famosa pianista, ma sfortunatamente ero troppo poco dotata per una cosa del genere.
Quali obiettivi ti piacerebbe raggiungere con i Lali Puna?
Sarebbe meraviglioso continuare a significare qualcosa per le persone che hanno comprato i nostri dischi, fra venti o trent'anni.
I tuoi testi in "Scary World Theory" rappresentano una sorta di visione intima della politica. Cosa è per te la politica oggi, e su quale piano può incontrarsi con la musica ?
E' vero che la gente si è allontanata dalla politica, posso capirlo. Basta guardare i politici: Schroeder che porta la Germania in guerra, Berlusconi che "combatte" i dimostranti di Genova. La gente pensa di non avere alcun'influenza ed in un certo senso è vero, è difficile iniziare una rivoluzione oggi. Ma quello che voglio dire all'ascoltatore è che egli ha la responsabilità, comunque, e deve provare a raggiungere una sua credibilità.
Trovo che l'incontro fra politica e musica sia importante; ho sempre ammirato band come Stereolab o i tedeschi Die Goldenen Zitronen per il loro coinvolgimento politico. I Lali Puna non sono esattamente politici, sarebbe esagerato, ma penso che le band dovrebbero aver qualcosa da dire...sole, amore e divertimento non è sufficiente!

MercatiGenerali, circolo culturale
s.s. 417 km 69, Catania
tel. ++ 39 (0) 95 501091

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 settembre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia