Al teatro Massimo "Moses und Aron", il kolossal di Arnold Schönberg

20 aprile 2002
Arnold Schönberg iniziò a lavorare a questa opera, verso la metà degli anni Venti, in principio come cantata: "Mosè e il roveto ardente". Dal 1930, quando Schönberg cominciò a musicare il Moses und Aron, l’opera andò definendosi sempre più come evento per il teatro musicale.

Un’ immensa opera che è metafora del dissidio fra pensiero e azione, drammaturgia della questione sulla rifondazione linguistica e del principio estetico della comprensione, non che – come ha osservato Piero Manzoni- manifestazione della capacità di assumere su di sé i problemi immensi del perché dell'esistenza umana.


Sulle precedenti messe in scena così scrive, sulle pagine di Repubblica, Piero Violante : ''Si può tranquillamente affermare che il Moses è la più grande esperienza etica del teatro musicale del Novecento ma che per la sua complessità è tra le opere meno frequentate, tant'è che si possono contare sulle dita delle due mani le edizioni a datare dalla prima in forma scenica a Zurigo del '57 (in forma concertistica era stata eseguita ad Amburgo nel '54) diretta da Rosbaud per la regia di Krahl.
Seguì nel '60 a Berlino l'edizione diretta da Hermann Scherchen e che fu ospite della Scala.
Il teatro Massimo è il primo teatro italiano che produce Moses, mentre l'ultima grande edizione risale al '96 al festival di Salisburgo con Pierre Boulez direttore e la regia di Peter Stein''.

Evento che rimarrà negli annali della lirica, questa imponente produzione diretta dal regista Denis Krief.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 aprile 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia