E' tempo di bilanci sulla stagione turistica in Sicilia

Un intervento di Pietro Busetta, economista

07 settembre 2001
Un intervento di Pietro Busetta, economista
e presidente della Fondazione Curella, un osservatorio economico sulla Sicilia.


Se il turismo siciliano fattura 3500 miliardi l'anno e il fatturato complessivo di tutte le attività imprenditoriali dell'Isola è di circa 120 mila miliardi, il conto è semplice: siamo al 3% , ma è una cifra ridicola, una riprova del fatto che finora con il turismo ci abbiamo giocato.

Oggi è un movimento globale inarrestabile, non siamo più al turista che arriva, si ferma in una pensioncina, non si muove e magari si fa i ragazzini di Taormina come avveniva in passato. Tutto il mondo si muove e noi abbiamo solo 12 milioni di presenze ufficiali. Ma si può e si deve arrivare almeno a 50 milioni.
Non sono cifre chimeriche, pensiamo solo al fatto che il Veneto ne fa 70 milioni, perché ha Venezia che è una vetrina mondiale. Anche Cancun, in Messico, ha 120 milioni di presenze annue. Certo anche lì ci sono i monumenti Maya.

Ma la Sicilia ha i Templi di Agrigento che da soli meritano un viaggio, e poi c'è tutto il resto da Siracusa a Piazza Armerina a Selinunte. Abbiamo anche un patrimonio di coste e di mare ancora pulito e libero.
Secondo me, il nuovo assessore al Turismo deve cominciare a fare un progetto, perché fino a oggi siamo andati avanti con interventi singoli. Tra l'altro la Sicilia ha necessità di potenziare il sistema aeroportuale.

Non è pensabile che si possa fare turismo ad Agrigento senza un aeroporto a Piano Romano, vicino Licata, non è pensabile che si possa fare turismo in provincia di Ragusa senza un aeroporto a Comiso.

E non si venga a dire che nuovi aeroporti non sono economicamente validi perché hanno pochi arrivi. Se si cominciasse a fare un discorso serio i passeggeri ci sarebbero. Se già Lampedusa riesce ad avere 60 voli settimanali e Pantelleria ne ha solo otto, se questa disparità c'è dipende molto dalle capacità imprenditoriali, dalle Istituzioni e comunità locali.

In Sicilia il turismo porta un l'indotto importantissimo. Se la Sicilia offrirà, oltre ai suoi monumenti, anche spiagge e mare puliti, una buona cucina, prodotti locali, artigianato artistico, e meno artistico per la massa, tutto questo costituisce un moltiplicatore delle entrate turistiche e fa sì che i nostri ragazzi, invece di emigrare a Torino o a Magonza, possano lavorare nella loro terra.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 settembre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia