Export in picchiata al Sud, tutti giù tranne Basilicata e Molise

31 luglio 2002
Nel primo trimestre 2002 secondo l'Istat le esportazioni italiane hanno registrato una flessione in valore pari al 7,1% rispetto allo stesso periodo del 2001.
Il calo più marcato è stato registrato nel Mezzogiorno, -10,2%.

La flessione più contenuta si è registrata, invece, nell'Italia nord-orientale, con un -2,8% rispetto al primo trimestre 2001, seguita da quella centrale (-6,4%) e da quella nord-occidentale (-9,8%).

In particolare, per ciò che riguarda il Mezzogiorno, le uniche 2 regioni che hanno messo a segno risultati positivi sono state la Basilicata (+22,7%) grazie all'export di mezzi di trasporto, ed il Molise che ha ottenuto un +2,9%.
Pesanti cali si sono invece avuti in Campania ed in Abruzzo. Le vendite campane all'estero sono infatti scese del 17,3% a causa della contrazione delle vendite di apparecchi elettrici e di precisione, dei mezzi di trasporto e di cuoio e prodotti in cuoio. Le esportazioni abruzzesi hanno invece registrato un calo più contenuto anche se superiore alla media nazionale, -7,7%.

Complessivamente, l'export delle regioni dell'Italia meridionale è sceso del 7,8%.
Brusca flessione per le vendite all'estero delle regioni dell'Italia insulare (-16,8%): la Sardegna ha perso il 24,6% mentre la Sicilia il 13,4%. Queste contrazioni, rileva l'Istat, sono imputabili alla diminuzione tendenziale dei prezzi dei prodotti petroliferi raffinati.

Tra le regioni dell'Italia centrale spiccano le performance di Lazio ed Umbria: la prima ha registrato un aumento delle esportazioni pari al 2,7% grazie al buon andamento dell'export di mezzi di trasporto; la seconda, invece, ha messo a segno un +0,2% dovuto alla crescita delle vendite all'estero di metalli e prodotti in metallo. Pesante calo per la Toscana (-11,7%) dovuto alle marcate riduzioni nei settori dell'industria tessile e dell'abbigliamento e del cuoio e dei prodotti in cuoio.

Nell'Italia nord-occidentale, le flessioni più pesanti si sono avute in Liguria (-16,1%), in Piemonte (-7,4%), dove ha inciso il calo delle vendite di prodotti metalmeccanici (compresi i mezzi di trasporto), ed in Lombardia (-10,4%), le cui esportazioni rappresentano il 28,3% del totale export nazionale. Nell'Italia nord-orientale un risultato fortemente positivo è stato messo a segno dal Friuli Venezia Giulia (+19,9%), dove le consegne di commesse navali e l'aumento delle vendite di macchine ed apparecchi meccanici ha trainato l'export.

Sui 61,4 mld euro esportati dall'Italia nel primo trimestre, le regioni del centro-nord hanno contribuito con 25,4 mld, quelle nord orientali con 19,3 mld, quelle centrali con 9,8 mld e quelle del Mezzogiorno con 6,6 mld (5 mld da regioni meridionali e 1,6 da quelle insulari).

Per quanto riguarda, infine, l'evoluzione congiunturale, nei primi 3 mesi del 2002 le esportazioni, al netto della componente stagionale, hanno registrato rispetto al trimestre precedente un aumento dello 0,3% nell'Italia meridionale, ed insulare, e diminuzioni del 2,3 nell'Italia centrale, del 3,5% in quella nord-orientale e del 4,4% in quella nord occidentale. 

Fonte: GdS

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

31 luglio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia