Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

I vini di Salemi richiedono il riconoscimento del marchio Doc

Il marchio preserverebbe l'identità dei vini del territorio comunale e di quelli delle zone limitofe

23 marzo 2004
Il Comune di Salemi richiede (TP) un riconoscimento ufficiale per i suoi vini e a tale scopo si è fatto promotore di una tavola rotonda che apra un confronto tra agricoltori, aziende vitivinicole, associazioni di categoria ed enti istituzionali. L'obiettivo è ottenere il riconoscimento di un marchio Doc (Denominazione di origine controllata) per la produzione di vini del territorio comunale e di quelli limitrofi.  ''Un marchio di qualità - dice il sindaco Biagio Mastrantoni - creerebbe valore aggiunto, soprattuto per quelle aziende che imbottigliano. La Doc preserverebbe l'identità dei nostri vini. E non è cosa da poco in un mercato che sa fare a meno della trasparenza, ingenerando confusione sull' origine e la bontà dei prodotti. La tutela della Doc sarebbe peraltro, il giusto riconoscimento a vini che già godono degli autorevoli apprezzamenti di enologi ed intenditori italiani e stranieri''.

L'ostacolo principale alla realizzazione dell'ambito progetto è il lungo iter burocratico.  Per usufruire del marchio Doc infatti, secondo la normativa comunitaria e nazionale, i produttori devono richiedere alla Regione Siciliana di fare una serie di accertamenti chimico-fisici ed organolettici  previsti dal regolamento comunitario 823/87. La Regione dovrà inoltre,  fare una relazione tecnica che illustri i fattori naturali e umani che caratterizzano quel vino. Tra i fattori naturali vanno tenuti in considerazione la zona di produzione, la natura dei terreni, l'esposizione e il vitigno; tra quelli umani i sistemi di allevamento, la potatura, la vinificazione e l'invecchiamento.

Se gli organi tecnici della Regione esprimono parere favorevole, la domanda verrà trasmessa al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ed infine uno speciale decreto del Presidente della Repubblica riconoscerà la Doc e ne sancirà il disciplinare di produzione, infine pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Gli esami analitici ed organolettici devono essere effettuati per tutte le partite di vino e solo dopo averli superati brillantemente potranno fregiarsi dei marchi Doc e Docg (Denominzione di origine controllata e garantita).

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

23 marzo 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE