Il patrimono culturale mediterraneo al centro della Conferenza Ue di Palermo

Ricerca, formazione, conoscenza, patrimonio culturale e sviluppo

14 novembre 2003
Più investimenti per valorizzare il patrimonio culturale e maggiore ruolo alle regioni del bacino nella programmazione finanziaria. Questi i punti salienti che verrano discussi, oggi e domani, durante la Conferenza  sul «Patrimonio culturale e partenariato interregionale nel Mediterraneo» che si svolgerà a Palazzo dei Normanni, a Palermo. Inserito nell'ambito delle attività del semestre di presidenza italiano dell' Unione europea, il convegno è organizzato dalla Regione siciliana con il sostegno del ministero degli Affari esteri, attraverso il centro regionale per la progettazione e il restauro, organi dell' assessorato regionale ai Beni culturali. Sono previsti quattro work shop cui parteciperanno oltre cento rappresentanti di trenta paesi (15 dell' Ue, 10 della costa sud del Mediterraneo, 5 dell'area balcanica) per la stesura della Dichiarazione di Palermo che sarà presentata alla seconda Conferenza internazionale delle regioni prevista nel capoluogo siciliano il 27 e il 28 novembre.

I temi da affrontare riguardano la  ricerca, lo sviluppo delle risorse umane, la  formazione, la conoscenza, il patrimonio culturale e lo sviluppo. Quest'ultimo e il  tema dominante della conferenza. Infatti l'area mediterranea è caratterizzata da un patrimonio storico, culturale e ambientale di particolare rilevanza. Esso rappresenta un potenziale elemento unificante di comprensione reciproca e di efficacia nei rapporti di partenariato. Quindi è necessario ristabilire questa comune identità culturale per promuovere uno sviluppo incentrato sulla progettazione condivisa ed sul confronto scientifico riguardante il settore dei beni culturali.

Le politiche e gli strumenti finanziari di cui dispone l'Unione europea appaiono limitati rispetto alle sfide ed ai problemi da affrontare. Esiste pertanto, la necessità di proporre soluzioni innovative all'altezza dell'importanza geo-politica della regione mediterranea. A tal fine, la Conferenza vuole attirare l'attenzione delle Istituzioni Europee sulla necessità di rafforzare la dimensione "Beni Culturali" negli strumenti finanziari UE presenti e futuri, facendo riferimento alle pratiche di conservazione e manutenzione programmata dei Beni che sarà presentata alla seconda Conferenza internazionale delle regioni prevista nel capoluogo siciliano il 27 e il 28 novembre.

L' evento «è unico nel suo genere» perché i programmi finanziati dalla Ue sul tema patrimonio culturale sono pochi e non diretti alle regioni. Si cita l'esempio del programma MEDA ( lo strumento finanziario del Partenariato Euromediterraneo), con esperienze limitate a Euromed Cultural Heritage I e II per un ammontare di 47 milioni di euro rispetto da una dotazione finanziaria 5.300 milioni per il periodo 2000-2006. E' stato, inoltre, sottolineato che il patrimonio culturale è proposto come terreno comune di dialogo mediterraneo tra regioni e non come una rigida conservazione museale. Questa prospettiva è quindi finalizzata all'apertura di una prospettiva di carattere geo-politico nuova e «strategicamente interessante».

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 novembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia