In barca per avvistare i cetacei che attraversano lo Stretto di Messina

17 settembre 2002
Il whalewatching, vale a dire l'osservazione dei cetacei, è una delle attività di turismo - natura che negli ultimi anni ha conosciuto maggiore successo.

Un'esperienza affascinante che da qualche tempo viene praticata anche nel Mediterraneo.

In Sicilia i cetacei sono particolarmente diffusi intorno all'isola di Ustica, dove è frequente imbattersi in interi branchi di delfini, così come nelle acque dell'arcipelago delle Egadi e numerosi sono, infine, quelli che transitano nello Stretto di Messina.

Quest'ultimo braccio di mare, in particolare, essendo una sorta di passaggio obbligato per tutte quelle specie che migrano dall'una all'altra estremità del Mediterraneo, risulta specialmente interessante.

Ne sanno qualcosa i biologi marini della società Necton, da alcuni anni impegnati proprio su queste acque nella registrazione delle voci dei grossi mammiferi grazie a particolari idrofoni e nella fotoidentificazione degli esemplari.

È possibile partecipare alle loro spedizioni in mare - con buone probabilità di imbattersi in balenottere, capodogli, stenelle e molti altri grossi cetacei - semplicemente pagando un piccolo contributo per la ricerca.

Per informazioni si può chiamare il biologo Antonio Celona al 339/1049390

Fonte: La Repubblica

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 settembre 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia