L'artigianato siciliano ancora in crescita

Dall’Osservatorio sull’artigianato: nel 2002 le province hanno segnato una crescita evidente

25 luglio 2003
L'artigianato siciliano nel 2002 è cresciuto ancora. Lo ha sottolineato Salvatore Bonura, direttore dell'Osservatorio regionale del settore, presentando alla Camera di commercio di Catania il consueto rapporto con i dati nazionali, regionali e provinciali relativi allo scorso anno.

"Il numero complessivo delle imprese artigiane dell'Isola - ha spiegato Bonura - alla fine del 2002 era di 87.109, con un saldo positivo di 518 tra le aziende nuove e quelle che hanno cessato l'attività. Tutte le province, tranne Agrigento e Siracusa, hanno segnato una crescita evidente: in particolare Catania con un + 258, Palermo con + 147 e Ragusa con + 144".

Qualche piccola preoccupazione, ha aggiunto il direttore dell'Osservatorio, è legata ai dati raccolti nel primo trimestre del 2003.

"Nel bilancio della nati-mortalità regionale purtroppo si è registrato un saldo di - 332 imprese contro il - 81 del 2002. E' un calo fisiologico, nei primi mesi di ogni anno, ma stavolta è un po' più accentuato. Le spiegazioni? La difficoltà di accesso al credito, una tassazione troppo onerosa, la mancanza di sostegno da parte del governo. Finché la Regione destinerà soltanto lo 0,87% delle risorse al nostro settore, l'artigianato, pur con l'evidente sviluppo degli ultimi 5 anni, farà una certa fatica a spiccare il volo".  

Fonte: La Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 luglio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia