La Sicilia in coda alla classifica delle infrastrutture

In una ricerca dell'Istituto Tagliacarne

11 ottobre 2001
Ma qual è l'effettivo stato delle province italiane quanto a infrastrutture? ... strade e autostrade, ospedali, scuole, musei e biblioteche?

L'Unioncamere ha commissionato una indagine all'Istituto Tagliacarne, fra le 103 province italiane, basato su questi parametri: presenza di strade, ferrovia, aeroporti, reti energia, reti telecomunicazioni, banche, strutture culturali, strutture per l'istruzione, strutture sanitarie.

Fissato come termine medio il 100, la provincia più servita e meglio attrezzata è risultata Trieste, che raggiunge 247, 7 come indice totale; seguono con un certo distacco Lodi (202, 8); Roma (200,4); Varese, Milano, Firenze, Genova, Gorizia, Rimini, Lucca.

Poi troviamo Bologna, Padova, Prato, Napoli (al quattorcicesimo posto), Savona, Pisa, Venezia, Novara, Livorno, Verona.

E le province siciliane?
Messina, col suo 96,1 di indice, figura al 42° posto, e dopo di lei Catania, al 43°, con 95, 5. Palermo arriva solo dopo, cioè al 51° posto.
Le altre province siciliane si piazzano alla fine, anzi, a dirla tutta, fra le ultime venti figurano 16 province del Sud e solo 4 del Nord (Cuneo, Belluno, Sondrio e Aosta).

Ma sono solo statistiche …

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 ottobre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia