Mousikè ad Akragas. L'iconografia musicale delle ceramiche attiche e magnogreche

11 dicembre 2006

Mousikè ad Akragas
Museo Archeologico Regionale di Agrigento
fino al 7 gennaio 2007

Le testimonianze archeologiche dell'antica Akragas dimostrano con particolare evidenza l'importanza della musica nel mondo antico. E' attraverso le immagini delle ceramiche a figure nere e a figure rosse con raffigurazioni musicali provenienti dalle necropoli e dalle aree sacre che è possibile conoscere i luoghi e i contesti dove la musica veniva fruita e agita e il valore simbolico attribuito agli strumenti musicali.
La mostra Mousikè ad Akragas, con la presentazione delle raffigurazioni musicali delle ceramiche attiche e magnogreche conservate presso il Museo Archeologico Regionale di Agrigento, ci permette di conoscere alcuni elementi della cultura e della società greca e di definire la storia sociale e culturale della musica.

Le ceramiche, provenienti dalle necropoli di Akragas di Contrada Pezzino, Contrada Mosè, Contrada Poggio Giache di Villaseta e dalle necropoli di Monte Saraceno (Ravanusa), Monte Adranone (Sambuca di Sicilia) e di Vassallaggi (San Cataldo), risalgono ad un periodo compreso fra la fine del VI e il IV sec. a.C., l'arco di tempo in cui si era insediata e sviluppata la colonizzazione greca nella città di Akragas.
Lo studio delle immagini musicali rappresenta ''un ritrovato metodo di interpretazione del contesto musicale. Grazie alla ricca documentazione iconografica, vero e proprio 'specchio' dell'immaginario musicale degli antichi Greci, possiamo ancora oggi essere a contatto con i luoghi cultuali e privati, gli esecutori e i destinatari immediati di ogni momento della catena composizione trasmissione recezione musicale'' (Franco Alberto Gallo).

Le ceramiche mettono in evidenza che gli strumenti musicali trovano una precisa collocazione all'interno di scene mitiche, eroiche, teatrali e narrative. La varietà figurativa risente dell'evoluzione dell'ideologia funeraria che, nel periodo compreso tra la fine del VI e l'inizio del V sec. a.C. predilige figure del mondo mitico, mentre a partire dal 450 a.C. cominciano a comparire le tematiche funerarie, con riferimento al mondo dell'oltretomba. In età arcaica i corredi tombali riflettevano lo status del defunto ed esprimevano le funzioni che rendevano il morto degno di memoria. Dalla fine del VI e l'inizio del V sec. a.C., e poi per tutto il IV e il III secolo, si assiste ad uno spostamento di interesse verso l’individuo e la continuazione della vita nell'aldilà: questa concezione pone l'attenzione sul futuro dell’individuo oltre la morte.
Fra le divinità sono presenti Apollo, unico dio del pantheon greco legato direttamente e in modo esplicito alla musica; Artemide, Athena ed Hermes, Eros e Dioniso. Nell'ampio panorama di scene musicali delle ceramiche attiche e magnogreche di Akragas sono presenti anche scene di simposio, di komos e di agoni musicali e ginnici e gli strumenti musicali in questi contesti assumono anche una funzione simbolica.
La mostra ''Immagini della musica ad Akragas'' include anche la coroplastica con raffigurazioni musicale proveniente da aree sacre e necropoli. Si tratta di statuette, perlopiù di suonatrici che sembrano poter essere connesse con eventi sonori nell'ambito dei riti delle divinità ctonie.

INFO
Museo Archeologico Regionale di Agrigento
Contrada San Nicola 12 (92100)
Tel +39 0922401565 - Fax  +39 092224185
www.regione.sicilia.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 dicembre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia