Oggi a Palermo ''Gran Tour in Sicilia 1890- 1950: viaggio attraverso il manifesto pubblicitario''

Un percorso visivo affascinante attraverso immagini e luoghi suggestivi, di forte richiamo e di alto valore artistico

14 novembre 2003
Un viaggio in Sicilia lungo sessant'anni, la mostra "Gran Tour in Sicilia 1890- 1950: viaggio attraverso il manifesto pubblicitario", che verrà inaugurata oggi, alle ore 17 nella Sala degli Specchi del Teatro Politeama, di Palermo e che si potrà visitare sino all'Epifania. All’inaugurazione interverranno Francesco Cascio, Assessore al Turismo e Fabio Granata  ai Beni culturali della Regione siciliana, Emilio Becheri e Philippe Daverio, presidente e membro del comitato scientifico. Inoltre saranno presenti  Maurizio Scudiero e Massimo Cirulli, curatori dell'evento. La mostra, che è patrocinata dal Ministero per le Attività Produttive e dall'ENIT - Ente Nazionale del Turismo Italiano,  ripercorre la storia del manifesto pubblicitario tra il 1890 e il 1950. Una sorta di biglietto da visita per la Sicilia, dunque, che attraverso la matita dei migliori cartellonisti siciliani del '900 ci presenta località, eventi e attività storiche siciliane.

Un percorso visivo affascinante attraverso immagini e luoghi suggestivi, di forte richiamo sia per l'alto valore artistico sia per le considerevoli dimensioni di alcuni pezzi esposti. La mostra è incentrata sulla cosiddetta epoca d'oro della Poster-Art ed espone le migliori "affiche" eseguite da grafici del tempi, tra cui Mario Borgoni, Mario Puppo, Marcello Nizzoli, Duilio Cambellotti, Leopold Metlicovitz e il palermitano Aleandro Terzi. Tra i cartelloni da ricordare, lo spettacolare manifesto di Metlicovitz dedicato a "Cabiria" di Gabriele D'Annunzio con Siracusa sullo sfondo, di grande formato (m. 3 x 3) e valore artistico; il primo manifesto moderno della Sicilia dedicato alle Feste a Palermo, del 1889 e firmato dal pittore Lentini; quello di Borgoni per Taormina di inizio secolo. Splendidi i manifesti ENIT degli anni venti su Palermo; la serie di sei manifesti del pittore Duilio Cambellotti per le rappresentazioni al teatro greco di Siracusa. Di fortissimo impatto artistico e cromatico, poi, il manifesto di Nizzoli per Agrigento degli anni Venti.
Obiettivo della mostra approfondire il Novecento siciliano, un periodo artisticamente  florido ma poco conosciuto del pubblico italiano. La Regione sta cercando di rivalutarlo attraverso eventi di richiamo internazionale che si inseriscano in un progetto più ampio di marketing turistico e culturale legato al territorio.

L'esposizione è stata ideata e realizzata da Papiacomunicare di Brescia, società di consulenza specializzata nella comunicazione culturale che gode del sostegno della Presidenza e degli assessorati al Turismo, Comunicazione e Trasporti e ai Beni culturali della Regione siciliana, dell'assessorato alla Cultura del comune di Palermo e di aziende private quali "Gruppo Alessi", "Baglio Hopps", "E.B.C.", "Caffè Morettino", "Vela Arredo" e "AMAT". Al progetto hanno collaborato la Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana e Confindustria Sicilia. L'ingresso alla mostra è a pagamento. Tutti i visitatori riceveranno un coupon con il quale potranno recarsi in un locale vicino al Teatro e degustare due caffé "Morettino" al prezzo di uno e due bicchieri di vino al Baglio Hopps al prezzo di uno.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 novembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia