Oggi si festeggia San Giuseppe, patrono di molti Comuni e di tutti i papà

19 marzo 2002
Oggi si festeggia San Giuseppe, papà di Gesù.

In tutta la Sicilia il santo viene onorato in maniere molto simili, con processioni, altari votivi e mostre.

L'offerta dei classici pani è tipica, in particolare, di Santa Croce di Camerina, di Canicattini Bagni, ma anche di Salemi, Gibellina, Vita, Salaparuta, Poggioreale, Borgetto, Lascari e San Giuseppe Jato.

La  tradizione vuole che in alcuni paesi le donne votate al santo, dopo aver fatto la questua, offrano pranzi ai poveri della contrada.
Nei tempi andati molti sono i vecchi che ricordano le antiche giornate del 19 marzo come le uniche nelle quali la gente meno abbiente poteva saziare la fame accumulata per un anno.

Dell'antica devozione generalizzata oggi rimangono - a parte le pratiche dei veri credenti - pochi brandelli, e per di più recuperati con istanza antropologica ed enogastronomia più che rituale-religiosa.

Questa è dunque giornata di gustosi pasti a base di zuppe di legumi (tipico il macco di fave e finocchietti, forse di origine latina), la sasizza pasqualora (salsiccia cruda e poco stagionata) e, immancabili, le "sfince", frittelle di pasta ricoperta di crema di ricotta e canditi, di improponibile contenuto calorico.

San Giuseppe è anche prototipo di tutti i padri, simbolo della paternità stessa.
E accanto alla ricorrenza cattolica si trova dunque la laica Festa del Papà, quella che, per farla breve, viene riconosciuta ben più importante dai bambini contemporanei.

Nei giorni passati i pargoli sono stati impegnati nelle loro aule a comporre poesiole e pensierini per i loro babbi, e a pensare se un rasoio a tripla lama possa essere un gradito presente.
Tanto a comprarlo ci pensa la mamma. 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 marzo 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia