Palermo di Natale, una città piena di mostre. A Palazzo Ziino ''Paesaggi'' di Carlo Carrà

Marine, paesaggi campestri, scorci paesani nelle tele del grande pittore piemontese

13 dicembre 2003
I ''Paesaggi'' di Carlo Carrà, una trentina di tele e una dozzina di disegni, danno il titolo la mostra che rimarrà aperta a Palermo, a Palazzo Ziino, fino all'11 gennaio.
I lavori del maestro novecentesco vanno dal 1909 al '64 e tracciano il percorso di una vita attraverso le varie fasi di ricerca dell'artista.

A partire dalla prima metà degli anni Venti il motivo del paesaggio accompagna costantemente la produzione pittorica di Carlo Carrà, quasi a sancire la fine della lunga stagione di serrate sperimentazioni formali - il futurismo e la metafisica, ma anche valori plastici - e il moto di ritorno verso temi e strutture compositive più tradizionali. Eppure, nonostante l’ispirazione più lirica e distesa che caratterizza soprattutto a partire dalla fine del decennio almeno una parte dei paesaggi del maestro lombardo, il genere non offre a Carrà soltanto l’occasione di una rivisitazione della tradizione. Anzi, sia pure nei modi  appartati e quasi intimi che connotano marine, vedute collinari, corsi fluviali e cascine di campagna, il paesaggio svolge nell’opera di Carrà la funzione essenziale di un luogo di decantazione: come se, anche rispetto alle grandi composizioni di figure che si susseguono per tutti gli anni Venti e Trenta, nei paesaggi prendesse forma, in modo embrionale, la filigrana di una visione che riconduce all’essenziale le sue sedimentazioni. E’ allora questo ritmo, al contempo fragile e solenne, a dettare l’armonia arcana e segreta di queste composizioni, in cui le suggestioni della pittura antica - Giotto e Masaccio in particolare - si intrecciano con lo sguardo moderno, con un sentimento della realtà ellittico e sospeso che non rinnega, e al contrario riassorbe, l’inquietudine straniata del periodo delle avanguardie.

Il curatore della mostra, Sergio Troisi, si è avvalso della collaborazione del figlio di Carrà, Massimo. ''Mio padre - ha detto - amava sperimentare e non rimpianse né rinnegò le sue esperienze passate, ritenendole di volta in volta superate''. Ci sono soggetti sui quali la mostra fonda il proprio itinerario: i capanni, le barche, le case disabitate, che a seconda dei periodi vengono trattati con approcci diversi. ''Per lui - ha spiegato il figlio - il punto di partenza era sempre il disegno, che gli forniva immediatezza. La luce e il colore arrivavano dopo. Il paesaggio è stato sempre il motivo della sua elaborazione interiore e mentale, e questo accadeva anche nel periodo futurista''. Tra i contemporanei che Carrà amò di più, il figlio ricorda sopra tutti Boccioni, Braque, Severini, Morandi, Sironi, e gli scultori Medardo Rossi e Arturo Martini. Un neo nell’unico dipinto (''Pompei - Porta Marina'', del '36) proveniente da un'istituzione palermitana, la Civica galleria d' arte moderna, che ha la tela rigonfia, con qualche lacuna di colore.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

13 dicembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia