Ponte sullo Stretto, ok al progetto preliminare, lavori al via nel 2005

Secondo Berlusconi sarà un'opera a costo zero per lo Stato

15 gennaio 2003
Il piano, ha precisato l'Amministratore delegato della società, Pietro Ciucci, prevede un aumento di capitale pari a 2,5 miliardi, corrispondente al 40% del fabbisogno dell'opera, che sottoscriveranno gli azionisti della società, in particolare Fintecna.

Il costo complessivo per la realizzazione del Ponte è stato stimato intorno ai 4,6 miliardi di euro.

L'apertura dei cantieri è prevista nel 2005, il completamento dei lavori e l'apertura al traffico 6 anni dopo, nel 2011.

Il cda della società ha deliberato la copertura del 60% del fabbisogno finanziario tramite finanziamenti di project finance in più tranche sul mercato dei capitali.

La realizzazione del Ponte sullo Stretto porterà, secondo la società Stretto di Messina, "nei sei anni di cantiere, un incremento dell'occupazione diretta pari a circa 30mila unità limitatamente alle Regioni dello Stretto, e di quella indiretta, sull'intero territorio, dell'ordine di 15mila unità'".
 
La tariffa media per l'attraversamento del Ponte sullo stretto afferma Ciucci "sarà pari a quella dei traghetti, circa 10 euro".

Quanto ad un possibile utilizzo di contributi a fondo perduto da parte dello Stato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha fatto sapere che "non è previsto" rigettando così le critiche rivolte da alcune parti sull'opportunità di utilizzare risorse pubbliche per la realizzazione del Ponte.

La tempistica per la realizzazione dell'opera prevede, dopo l'approvazione del Cipe attesa entro sei mesi, la gara per l'affidamento dei lavori di costruzione a contraenti generali nel corso del secondo semestre del 2003, lo svolgimento dell'iter per l'approvazione del progetto definitivo nel corso del 2004 e nei primi mesi del 2005.

Il progetto preliminare approvato prevede "miglioramenti tecnici, con particolare riguardo agli aspetti ambientali e urbanistici". L'impatto ambientale e' stato migliorato "del 25%" prevedendo, tra l'altro, l'allaccio diretto del Ponte con la prevista linea ferroviaria ad alta capacita', con l'eliminazione, rispetto al progetto del 1992, di circa 21 km di gallerie, l'eliminazione di circa 1.600 metri di viadotto sul totale dei tracciati.

La storia del Ponte sullo Stretto di Messina inizia nel '68 con un concorso di idee bandito dall'Anas in collaborazione con Ferrovie dello Stato e Iri. Nel 2001 il Cipe ha inserito il Ponte tra le opere strategiche della legge Obiettivo.

Fonte: Cnn

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 gennaio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia