Previsioni rispettate, purtroppo

A Natale gli acquisti sono andati malissimo: le famiglie hanno speso l'8% in meno

27 dicembre 2013

Le previsioni precedenti alle festività davano tutti segni negativi e, purtroppo, sono state tutte rispettate. Infatti, sono andati malissimo i consumi di Natale 2013: rispetto allo scorso anno le famiglie italiane hanno ridotto gli acquisti tipici delle festività dell’8%, addirittura peggio di quanto inizialmente previsto, ad essempio, dal Codacons, che stimava una riduzione della spesa del 7,5%.

A risentire particolarmente dei tagli imposti dalla crisi economica sono stati i regali, diminuiti in media del 15% rispetto all’anno passato, mentre hanno retto i consumi alimentari, pari a 2,6 miliardi di euro per il cenone della vigilia e il pranzo di Natale.
Tra i settori più colpiti dal calo degli acquisti - spiega il Codacons - figurano l’abbigliamento e le calzature (-17%), mentre per gli addobbi per la casa si è speso il 10% in meno. Le vendite possono ritenersi soddisfacenti unicamente nel settore giocattoli, informatica e hi-tech.

"Complessivamente, per i consumi natalizi diversi dagli alimentari (regali, addobbi, viaggi, ecc.) gli italiani hanno speso 600 milioni di euro in meno rispetto al 2012, e ben 7,7 miliardi di euro in meno rispetto a quanto si spendeva per Natale nel 2007, ossia prima della crisi economica. Una vera e propria debacle - afferma il presidente Carlo Rienzi - che non promette nulla di buono per il 2014, e che rappresenta un segnale fortissimo circa lo stato di sofferenza delle famiglie, sempre più incapaci di acquistare e sempre più vicine al baratro della povertà".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 dicembre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia