Un concerto disegnato

Colapesce e Alessandro Baronciani di nuovo insieme sul palco del Centro culturale Zo

25 novembre 2015

Dopo lo straordinario successo de "La distanza" (Bao Publishing), la graphic novel scritta e disegnata da Lorenzo Urciullo e Alessandro Baronciani, i due tornano insieme sul palco con un nuovo spettacolo. Un concerto disegnato.
La formula è in realtà già stata testata e collaudata dai due a ottobre 2013, quando insieme chiusero il tour di "Un meraviglioso declino", il fortunato album d'esordio di Colapesce, con una serie di concerti speciali realizzati appositamente per i teatri occupati della Sicilia.

Ed è proprio da "La fine del declino" che si è cementata l'amicizia tra i due e sono state gettate le basi di quella che poi sarebbe diventata "La distanza", una delle graphic novel più apprezzate dal pubblico e dalla critica italiana. Un romanzo a fumetti che usa i toni e i colori dell'estate siciliana per raccontare una crescita. Quella emotiva e personale di Nicola, il protagonista, che con le sue idiosincrasie e insicurezze imparerà ad affrontare le proprie paure e venire a patti con la distanza (non solo intesa in senso fisico) nel corso di un road trip sentimentale attraverso alcuni dei luoghi più belli e caratteristici dell'isola.
Ed è proprio l'idea del road trip a fare da sfondo a questo nuovo tour dove le più apprezzate canzoni di Colapesce verranno riproposte in versione acustica, cruda e scarna, accompagnate solo dai disegni e le illustrazioni realizzate in tempo reale da Alessandro Baronciani.

I due gireranno l'Italia in lungo e in largo, andando anche in quei posti dove normalmente è difficile riuscire ad arrivare con una produzione completa. Un tour low cost, quindi, anche e soprattutto per le tasche degli spettatori che lo andranno a vedere.
Un modo per abbracciare nuovi e vecchi fan portando in cambio un concerto che fa dell'unicità una bandiera. Un vero e proprio spettacolo dall'impianto quasi teatrale e dove  l'aspetto visivo occupa un ruolo importantissimo.
Il bello di "Concerto disegnato" sta proprio nel suo non essere mai uguale a se stesso: uno show in continua evoluzione dove anche l'improvvisazione avrà un ruolo fondamentale.

Lorenzo Urciullo nasce a Siracusa nel 1983 e comincia a suonare ancora prima di imparare a parlare. Nel 1998, all'età di quindici anni, registra con Roy Paci un brano impro-jazz pubblicato da Snowdonia nella compilation "Snowdoniani Baccelloni Invadono Megaton 4". Da quel momento smette di essere il tipico adolescente degli anni '90, tutto motorini truccati e pomeriggi al bar, e capisce che la musica è la sua vita. Milita in diverse band prima di fondare gli albanopower, con cui realizza un album - "Maria's Day - un paio di EP e il mastodontico tributo a "Mellon Collie & The Infinite Sadness" degli Smashing Pumpkins, che coinvolge più di cinquanta musicisti provenienti da tutta Italia e arriva ad attirare l'attenzione di Billy Corgan in persona. Più o meno nello stesso periodo comincia a scrivere canzoni in italiano utilizzando lo pseudonimo Colapesce, tratto da una leggenda popolore risalente agli anni di Federico II, con il quale pubblica un EP omonimo (nel 2010) e un album - "Un meraviglioso declino" (2012) - che diventa in breve tempo un piccolo classico della nuova musica italiana, premiato con la Targa Tenco per la migliore opera prima e con il P.I.M.I. sempre per il migliore esordio. Nel febbraio del 2015 esce il suo nuovo album - "Egomostro" - da cui vengono estratti i singoli Maledetti italiani e Reale, entrambi accompagnati da due videoclip che hanno fatto molto discutere. Il popolare quotidiano francese "Le Monde" ha dedicato a Colapesce una pagina della sua edizione cartacea, definendo Lorenzo "L'avenir d'Italie, l'unico erede tardivo di Lucio Dalla e Franco Battiato". In passato le sue canzoni erano finite anche sul “Guardian” e sul settimanale musicale inglese "NME", che aveva inserito Colapesce tra i migliori cinque progetti pop provenienti da paesi non di lingua anglofona. "La distanza" è la sua prima incursione nel mondo dei fumetti: scritto a quattro mani con il popolare illustratore Alessandro Baronciani e pubblicato da Bao Publishing, in pochissime settimane si è affermato come uno dei libri più apprezzati di questa estate 2015. Dorme sempre molto poco.

Alessandro Baronciani, nato nel 1974 e originario del pesarese, lavora tra Pesaro e Milano come art director, illustratore e grafico pubblicitario. Ha iniziato a farsi conoscere autoproducendo albetti fotocopiati che spediva tramite posta alle persone che si abbonavano, fino a raggiungere un pubblico sempre più vasto. Un esperimento mai visto prima nel campo dell’editoria che è diventato un piccolo caso editoriale nel mondo del fumetto e un traguardo straordinario per un’esperienza di auto-produzione. Queste storie sono state poi raccolte nel volume Una storia a fumetti pubblicato nel 2006 da Black Velvet Editrice e sempre per la stessa casa editrice pubblica il romanzo a fumetti Quando tutto diventò blu.
Ha lavorato per molte agenzie pubblicitarie ed è stato regista di spot a cartoni animati per diverse aziende. Ha pubblicato illustrazioni in numerose riviste e lavora come grafico per le case discografiche come Universal, mezcal e La Tempesta firmando le copertine di gruppi e cantautori come Bugo, Perturbazione, Tre Allegri Ragazzi Morti. Ha una rubrica a fumetti sulla storia della musica su "Rumore magazine".

"Concerto disegnato" tour 2015
@Centro culturale Zo, piazzale Asia 6 – Catania
www.zoculture.it

Biglietti disponibili in prevendita a 8 euro +dp c/o Box Office Sicilia, www.ctbox.it e tel. 0957225340

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 novembre 2015

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia