Vilipendio: e lo spot di Tornatore sull'Alzheimer non va in onda

05 luglio 2002
La scenografia è quella del Parlamento italiano.

I parlamentari siedono ai loro posti impegnati in una delle consuete risse tra opposte fazioni. Entra un anziano signore, avanza verso il presidente di turno e lancia un grido.

Irritato il presidente chiama un paio di commessi che allontanano un uomo mentre si ode una voce fuori campo: "Quest'uomo è malato di Alzheimer. Le istituzioni hanno una malattia ben più grave: l'indifferenza".

È lo spot dell'Aima, l'Associazione Malati di Alzheimer. Ma noi non lo vedremo.

Mediaset e Rai, infatti, sia pure in diverse modalità, hanno rifiutato la trasmissione delle spot: anche se è firmato dal premio Oscar Giuseppe Tornatore (originario di Bagheria, in provincia di Palermo), che lo ha girato senza ricevere compensi.

Publitalia, l'agenzia che raccoglie la pubblicità per Mediaste, ha risposto che: "Al momento non ci sono spazi".
La Sipra, che gestisce la pubblicità Rai, praticamente non ha neanche risposto.

La motivazione (non detta) di questo rifiuto? Lo spot sarebbe offensivo dell'attività del Parlamento e si configurerebbe il reato di "vilipendio delle istituzioni".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 luglio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia