Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

"Il sistema dei Consorzi di Bonifica in Sicilia non regge più!"

La Confederazione Italiana Agricoltori lancia l'allarme: "La Regione deve bloccare subito l'aumento dei ruoli"

21 gennaio 2016

"Rischia di implodere tutto il sistema dei Consorzi di Bonifica della Sicilia, oberati dai debiti sempre più crescenti, senza risorse necessarie a garantire la normale attività e soggetti da tempo a subire innumerevoli procedimenti risarcitori. Oltre 2.100 i dipendenti che gravitano attorno ai Consorzi di Bonifica tra tempo indeterminato e stagionali con un costo che si aggira sui 50 Milioni di euro. Oltre 130 milioni di debiti e di contenziosi in atto. Invasi semivuoti e limiti strutturali mettono a rischio la Stagione irrigua". Questo è il grido d’allarme della presidente regionale di CIA Sicilia Rosa Giovanna Castagna.
"L’Assessore regionale all’agricoltura - evidenzia Castagna - deve intervenire per fermare l’aumento delle tariffe irrigue operate dai Consorzi di Bonifica e l’esecutività dei ruoli consortili in atto, assolutamente insopportabili dal mondo agricolo e fuori da ogni logica di gestione moderna e innovativa".
"La Confederazione Italiana Agricoltori - aggiunge Castagna - ha più volte sottolineato come nelle condizioni attuali rimane incomprensibile ed assurdo decidere il taglio dei trasferimenti delle risorse ai Consorzi di Bonifica più di quanto previsto dalle normative". "Per tutta risposta - sottolinea Castagna - nonostante le direttive dei due precedenti Assessori all’Agricoltura (le tariffe irrigue verranno mantenute in linea con gli anni passati e abbiamo definito le procedure per predisporre e approvare i bilanci di previsione senza incidere sulle tariffe...), per far quadrare i conti i Direttori dei Consorzi di Bonifica aumentano a dismisura i ruoli irrigui scaricando sugli agricoltori una gestione dissennata che rischia di affossare la migliore agricoltura di qualità di cui la Sicilia ne vanta la primogenitura".

"Gli agricoltori - continua Castagna - chiedono al Governo della Regione e all’assessore Antonello Cracolici di intervenire con urgenza per mettere ordine al sistema della Bonifica restituendo agli agricoltori la gestione democratica di Enti che siano efficienti, risanati e puliti da ogni incrostazione debitoria. E’ necessario revocare l’art.47 della legge Regionale n. 9/2015 nella parte in cui si prevede il disimpegno finanziario della Regione Siciliana fino al pareggio bilancio dei Consorzi a decorrere dal 2021. Si decida in merito alle priorità sui grandi interventi relativi allo stato strutturale delle dighe, i collegamenti tra invasi, lo stato di salute delle reti scolanti e delle condotte idriche nonché lo stato dell’arte delle centrali di sollevamento e la loro funzionalità".
"E’ forte la nostra preoccupazione - conclude Castagna - rispetto alla situazione che vive il mondo Agricolo e alla necessità di dotare la Sicilia di strumenti snelli ed efficienti che oltre alla distribuzione dell’acqua ad un costo equo, possano operare per la salvaguardia del territorio e la sua manutenzione così come recitano i nuovi indirizzi di economia agricola nell’ambito del contesto Europeo e dello sviluppo sostenibile che le attuali normative impongono".

Dell'esigenza di una legge di riforma per la gestione dei Consorzi di Bonifica parla anche il Comitato Spontaneo Agricoltori di Ribera, per voce dell’avvocato Giacomo Cortese. "È ora di dire basta ad una gestione emergenziale dei Consorzi di Bonifica regionali e porre mano ad una seria legge di riforma per dotare i Consorzi di ulteriori e innovative competenze" dichiara l’avvocato Cortese. "Allo stato attuale, infatti, stipendi non pagati e mancata stabilizzazione dei dipendenti di vari consorzi siciliani, ora in stato di agitazione, cronica mancanza di progettualità e un navigare a vista da parte dei Commissari, sono fattori che certamente non aiutano il mondo agricolo ad uscire dalla sacche dell'inefficienza al livello regionale, - spiega Cortese - se si considera che a pagare, per risolvere i problemi finanziari dei consorzi, saranno i consorziati, ovvero gli agricoltori a cui verranno caricati in bolletta i maggiori costi del servizio irriguo".

Mal vezzo quello di colpire la sola categoria degli agricoltori produttori per risanare i bilanci di enti in dissesto, laddove in altre parti d'Italia i Consorzi sono realtà fiorenti che contribuiscono ad arginare i dissesti idrogeologici ed hanno innovative competenze, beneficiando di convenzioni e risorse elargite da altri enti territoriali e svolgendo financo compiti delegati loro dalla Protezione civile.
La proposta avanzata dal CSA è una legge di riforma che assegni ai consorzi di bonifica ulteriori competenze e mansioni, quali la gestione diretta degli invasi, la manutenzione delle strade interpoderali, la manutenzione dei valloni e dei canali di scarico, la pulitura degli alvei e degli argini dei fiumi e la sistemazione dei letti dei fiumi e delle strade, tutto ciò sull'esempio di quanto già realizzato dai Consorzi in altre parti d'Italia.

- www.ciasicilia.it

- www.osservatorioacque.it

- www.ascebem.it

- www.consorziobonifica.it/palermo-2

- www.bonifica3ag.it

- www.consorziobonifica4caltanissetta.it

- www.consorziobonifica6enna.it

- www.consorziobonifica8rg.it

- www.consorziobonifica9ct.it

- www.consorzio10sr.it

- www.consorziobonifica11me.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 gennaio 2016
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia