A Barrichello il GP di Gran Bretagna

Vittoria alla Ferrari sulla pista di Silverstone invasa da tifoso con tanto di kilt scozzese

21 luglio 2003
Rubens Barrichello ha vinto da assoluto protagonista un GP di Gran Bretagna emozionante dal primo all'ultimo giro. Il brasiliano della Ferrari, autore anche di pole position e giro veloce, ha sfoderato una prestazione formidabile e ha risposto così a tutte le critiche ricevute in questa fase della stagione. Con il sesto trionfo della carriera Rubens ha anche aiutato Michael Schumacher, giunto quarto dietro a Juan Montoya e Kimi Raikkonen. Il tedesco, gara difficile la sua, ha infatti mantenuto la testa del Mondiale perdendo un solo punto dal rivale finlandese. In zona punti anche David Coulthard, Jarno Trulli, Cristiano Da Matta e Jenson Button. Ritiro per Giancarlo Fisichella.

Come già successo nella vittoria di tre stagioni fa ad Hockenheim, Barrichello ha vinto un GP in cui c'è stata anche l'invasione di pista di un tifoso. Nel corso del 12° giro, infatti, uno spettatore vestito con un kilt, il tipico gonnellino scozzese, ha invaso il tracciato correndo incontro alle vetture. E' entrata la Safety-car e i commissari lo hanno subito allontanato. Il tifoso aveva un cartello: "Leggete la Bibbia, la Bibbia ha sempre ragione". Il GP è poi continuato regolarmente e il protagonista unico è stato il brasiliano, mentre Schumi si ritrova intruppato in retrovia dopo il caos provocato dall'episodio: al pit-stop è infatti entrato insieme a Barrichello, ha perso preziosi secondi e nel momento più critico è stato anche 13°.

Dopo una prima fase controllata da Trulli e Raikkonen, l'invasione del tifoso e la prima sosta hanno rivoluzionato la classifica con le due Toyota di Da Matta e Panis a lottare con i primi. Dopo aver passato Raikkonen già all'11° giro, Barrichello ha proseguito il suo show al 17° giro sbarazzandosi prima di Ralf e al 26° di Trulli. Dopo la seconda e decisiva sosta Raikkonen era in testa, ma il brasiliano oggi è sembrato in uno stato di grazia. Il ferrarista ha raggiunto il finlandese e al 42° giro ha sfoggiato la quarta prodezza della sua fantastica gara: ha preso la scia di Kimi e lo ha bruciato mostrando anche un'ottima condizione della F2003-GA. Da quel momento è stato irraggiungibile.

Per come si era messa la corsa alla fine è stata una gran festa Ferrari. Mentre Barrichello guidava come un fenomeno e andava a vincere, Schumi ha infatti compiuto una piccola impresa stringendo i denti e rimontando posizioni su posizioni sfruttando anche le soste ai box dei rivali. E al 48° giro la ciliegina sulla torta è stata un errore di Raikkonen che ha regalato il secondo posto a Montoya. Michael può sorridere.

 
Fonte: gazzetta.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 luglio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia