Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

A Melbourne, la prima gara del GP 2004 si trasforma in una parata delle Ferrari

Schumacher domina il GP d'Australia dall'inizio alla fine, Barrichello secondo.

08 marzo 2004
È tornata la Formula noia, ma in questo non c'è nulla di negativo, a parte qualche sbadiglio. Ci sono solo i meriti di un gruppo eccezionale, quello della Ferrari, capace anche quest'anno di presentarsi al via del Mondiale con una macchina super, la F2004. La trionfale parata con cui Michael Schumacher e Rubens Barrichello hanno dominato il GP d'Australia è stata anche una dura lezione alla concorrenza: per togliere il titolo alle rosse servirà molto lavoro. E forse non basterà nemmeno. Chi ha visto più da vicino i due ferraristi (ma sul podio) è stato il bravissimo Fernando Alonso. Lo spagnolo della Renault ha confermato che lui e la vettura francese sono una realtà. A punti anche le due Williams di Ralf e Montoya, Jenson Button con una buona Bar, Jarno Trulli, il migliore degli italiani con la seconda Renault e David Coulthard con la McLaren.

Schumi ha dunque iniziato alla grande la stagione. Una prova di forza alla sua maniera, quella che preferisce e in cui dà il meglio: in testa dal primo all'ultimo giro. Rubens Barrichello lo ha assistito come un fedele scudiero e la sostanza del GP è tutta qui. I due ferraristi, scattati dalla prima fila, hanno mantenuto il comando incrementandolo di giro in giro e hanno compiuto i loro tre pit stop in totale scioltezza. E gli altri? Dovranno rimboccarsi le maniche e in fretta. Alonso è l'altro promosso della giornata. Al via ha scavalcato la Williams di Montoya e ha poi gestito bene la gara portando a casa preziosi punti e non commettendo errori. Un ottimo inizio anche per lui.

Dietro allo spagnolo le Williams di Ralf Schumacher (una gara senza infamia e senza lode la sua) e Juan Montoya. Il colombiano ha sulla coscienza l'errore alla prima curva (è andato largo per contenere l'attacco di Alonso e si è ritrovato intruppato nel traffico). Però si è un po' riscattato con due sorpassi, ed è sempre uno dei pochi a riuscirci in questa F.1, ai danni di Jarno Trulli (al 25° giro) e Jenson Button (al 39°). Notte fonda per la McLaren. Dopo soli nove giri Raikkonen e Coulthard avevano qualcosa come 31 e 32 secondi di distacco. Il finlandese è poi andato k.o. per la rottura del motore Mercedes: i suoi timori sull'affidabilità alla vigilia erano reali.
Non sta meglio la Toyota. Il 12° e il 13° posto di Da Matta e Panis sono un brutto biglietto da visita. Gli italiani si sono difesi. Detto di Trulli, il secondo migliore è stato Giancarlo Fisichella. Il romano della Sauber ha disputato una gara in difesa, ma come in qualifica ha commesso un altro errore che lo ha costretto a restare dietro: vale certamente di più del decimo posto finale. Giorgio Pantano ha corso pieno di benzina e ha chiuso 14° con una Jordan comunque poco veloce: come prima gara della carriera in F.1 si può accontentare così. Stesso discorso per Gianmaria Bruni che ha lottato generosamente con i problemi della sua Minardi. Avrà tempo per rifarsi.

Brawn: "Fantastico"
Ross Brawn, direttore tecnico della Ferrari, spiega così la trionfale vittoria nel GP d'Australia: "Una giornata fondamentale per noi, perché dopo tanti test in pista da soli finalmente abbiamo potuto confrontare il nostro livello con quello degli altri. Era quello che aspettavamo. La doppietta è un risultato fantastico, dovuto al lavoro che ciascuno di noi ha fatto. La squadra sta diventando ancora più forte, tutti stanno lavorando ancora più duramente".

Fonte: Gazzetta.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

08 marzo 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE